BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

WIKILEAKS ITALIA/ Il Tempo: Coi nuovi file a rischio i rapporti tra Obama e Berlusconi

Il fondatore di Wikileaks, AssangeIl fondatore di Wikileaks, Assange

WIKILEAKS ITALIA - Nel messaggio su Twitter, Wikileaks ha fatto inoltre sapere di essere sotto «intensa pressione». L'annuncio apparso su Twitter recita: «La prossima pubblicazione sarà sette volte maggiore di quella sull'Iraq», e si chiedono aiuti e donazioni per consentire a Wikileaks di proseguire con il suo lavoro, che nei mesi scorsi aveva portato a divulgare anche i segreti sui militari italiani. «Subiamo molte pressioni da mesi. Restiamo forti», conclude il messaggio. I documenti in possesso di Wikileaks sono report, appunti e commenti sottoscritti dai funzionari delle diverse sedi diplomatiche americane nel mondo.

 

Sicuramente da quelle europee in Gran Bretagna, Italia e Germania in primo piano. Ci sarebbero anche file da Ankara, Tel Aviv, Kabul e Islamabad. Ma anche tra le ambasciate Usa a Mosca nelle capitali delle ex repubbliche sovietiche e Washington. Rivelazioni che rischiano di incrinare la credibilità dei rapporti tra l’’Italia e gli Stati Uniti, rinsaldati da Barack Obama e Silvio Berlusconi anche nel corso del recente vertice della Nato a Lisbona.

 

© Riproduzione Riservata.