BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

COREA NORD/ Jean: se Obama vuole la pace, deve preparare la "guerra"

La portaerei Usa nel Mar GialloLa portaerei Usa nel Mar Giallo

 

Reagire a qualsiasi provocazione, altrimenti perderanno ogni credibilità. Per questo, per esempio, Obama ha fatto bene a mandare la portaerei Washington in Asia. Se lo avesse fatto sei mesi fa, dopo l’affondamento della corvetta sudcoreana da parte di Pyongyang, questa nuova crisi non sarebbe neanche iniziata.
 

Secondo alcuni osservatori al contrario l’esercitazione Usa nel Mar Giallo prefigura l’inizio di una guerra…

Non basta certo una portaerei per scatenare una guerra. Il rischio dell’innescarsi di un conflitto è ancora molto lontano, anche perché nessuno degli Stati asiatici ha interesse a spingere le cose oltre un certo limite. Né la Cina, che avrebbe tutto da perderci dalla caduta del regime di Pyongyang, né la Corea del Nord, che sarebbe spazzata via in 20 minuti.
 

Kim Jong-il però non sembra molto impaurito…

Il «caro leader» si spinge fino al punto in cui pensa che gli altri non reagiranno, fino sull’orlo del precipizio, e non un centimetro più in là. Finora Pyongyang si è comportata sempre in maniera abbastanza razionale, dal suo punto di vista, non ha mai fatto il passo più lungo della gamba e a ogni provocazione ha fatto seguire un ripiegamento, evitando così un’escalation.
 

Ma la Corea del Nord ha davvero l'atomica?