BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MINATORI/ Quando anche lo Stato si inchina davanti agli "uomini invisibili"

Pubblicazione:

Cile_Minatore_UscitoR400.jpg

Questi nuovi fatti aprono oggi un nuovo spazio dopo le risse ideologiche dell’ultima elezione presidenziale e offrono nuove prospettive sul metodo per affrontare eventi come il terremoto del 27 febbraio, dove la tentazione della reciproca colpevolizzazione lasci il posto a un lavoro comune che dia priorità alla ricostruzione.

Il dialogo dei minatori e dei loro congiunti con le autorità pubbliche e la comunità civile ha gettato, senza che se lo proponesse, il seme di un nuovo dialogo tra quegli uomini “anonimi”, che sono gli esponenti del potere. Lo Stato che si inchina davanti agli “uomini invisibili” è l’occasione per un diverso paradigma politico, che sfidi l’abituale paternalismo del potere.

Favorire una cultura della responsabilità politica tra attori tanto diversi può apparire ingenuo, ma è l’unica strada perchè un Paese faccia prevalere il Bene Comune sullo stato quo, il primo erede della libertà, il secondo dell’ideologia.


(Bolivar Aguayo Ceroni)
 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.