BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ La Gran Bretagna discrimina i cristiani e si affida ai tribunali islamici

Pubblicazione:

Tribunale-islamicoR375.jpg

Un’altra grave contraddizione di questa fragilissima società ormai alla deriva, emerge dal fatto che mentre si rasenta il ridicolo nell’esasperata esaltazione del principio di parità tra uomo e donna, si tollera, attraverso un connivente silenzio, il modo con cui vengono trattate le donne nei Muslim Arbitration Tribunal. Proprio nella patria del politically correct.

 

Solo pochi giorni fa, la House of Commons, su proposta di Harriet Harman – considerata un’icona dei diritti per le donne –, ha approvato con 206 voti favorevoli e 90 contrari, l’abolizione dal vocabolario parlamentare della parola “chairman” (presidente), ritenuta sessista, e la sostituzione con quella più neutra di “chair”. Le femministe hanno esultato per la grande conquista. Ormai il senso del ridicolo ha ceduto alla malinconia della pateticità. Che tristezza!

  



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
22/03/2010 - Amen. (Alberto Pennati)

Dopo aver letto questo interessante articolo, che credo ai più di noi (me compreso) abbia rivelato cose che si ignoravano, mi vengono in mente tante belle parole trite e ritrite sull'integrazione. Mi vengono anche in mente alcune parole spese in merito alla difesa delle radici cristiane, ritenuta da qualcuno non così urgente e degna di lode unicamente la centralità delle opere, unico metro di giudizio finale (mah!). Chissà se questa persona è a conoscenza di quanto qui affermato e chissà quali sono le conclusioni che ne trarrebbe. Forse un cristiano, solo perchè è nel proprio paese, merita di essere difeso meno - o non del tutto - rispetto ad un mussulmano? O forse integrazione significa perdere i propri valori per non offendere i mussulmani?

 
22/03/2010 - Sharia in G.B. (Lindo Caprino)

Io ho sempre sentito che bisogna accogliere gli extra-comunitari per ragioni umanitarie e sociali, aiutandoli a inserirsi e integrarsi nella nostra società. In Inghilterra invece sta nascendo una società islamica parallela a quella britannica e che, a quanto pare può addirittura,attrarre a sè quella indigena: cioè gli inglesi, senza che se ne accorgano, si integrano nella società islamica, se ho ben capito. Dovremo fare anche noi questa stessa fine? Sicuramente quando i mussulmani avranno raggiunto il 50% di presenze tra noi! Santa Lega pensaci tu!

 
22/03/2010 - Giustizia parallela in Gran Bretagna (Giovanni Crema)

La culla della democrazia, diventerà rapidamente la bara della democrazia; ma è giusto così: in natura il vuoto non può esistere, viene subito riempito da qualcos'altro, non importa se migliore o peggiore di quanto c'era prima. Il nostro vuoto di umanità verrà rimpiazzato da un pieno di disumanità. E' già sucesso nel secolo scorso, ma l'abbiamo già dimenticato.