BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PENA DI MORTE/ Ohio, tenta il suicidio in carcere, lo ricoverano e rinviano la sentenza di una settimana

 Rinchiuso in un carcere dell’Ohio, in attesa del suo triste epilogo, ha deciso di farla finita prima. E così Lawrence Reynolds, 43 anni, condannato nel ’94 alla pena capitale per omicidio, ha tentato di togliersi la vita. Lo avrebbe fatto ingerendo una quantità impressionante di farmaci. Reynolds è stato ritrovato nella sua cella privo di sensi, ma vivo. Da lì a 24 ore lo avrebbero dovuto trasferire nella prigione in cui avrebbe subito l’iniezione letale.

carcereR375_09ott08.jpg (Foto)

CONDANNATO A MORTE, TENTA IL SUICIDIO IN CARCERE - Rinchiuso in un carcere dell’Ohio, in attesa del suo triste epilogo, ha deciso di farla finita prima. E così Lawrence Reynolds, 43 anni, condannato nel ’94 alla pena capitale per omicidio, ha tentato di togliersi la vita. Lo avrebbe fatto ingerendo una quantità impressionante di farmaci. Reynolds è stato ritrovato nella sua cella privo di sensi, ma vivo. Da lì a 24 ore lo avrebbero dovuto trasferire nella prigione in cui avrebbe subito l’iniezione letale.

 


LO RICOVERANO E RINVIANO  L'ESECUZIONE - Per una beffa del destino, e per un sistema penale alquanto controverso che prevede ancora la pena di morte, le vicissitudini dell’uomo non hanno avuto ancora fine: i soccorsi sono stati immediati, Reynolds è stato ricoverato in ospedale, e la sua vita è salva; ora, sarà possibile applicare nei suoi confronti la sentenza di morte. Il governatore dello Stato, Ted Strickland, infatti, ha deciso di rinviare l’esecuzione di una settimana

 

E' LA SECONDA VOLTA CHE CAPITA  - E’ già la seconda volta che la condanna a morte di Reynolds è stata rinviata. Lo scorso 8 ottobre avrebbe dovuto subire l’iniezione letale. Il boia, tuttavia, in un caso analogo, non era riuscito a trovare la vena e tutte le condanne da eseguirsi con quella modalità erano state sospese.

 

TUTTI I PAESI CHE APPLICANO LA PENA DI MORTE – Nonostante i progressi dell’umanità e la diffusione di una coscienza a livello mondiale che contempli l’applicazione dei più elementari diritti umani, sono ancora numerosissimi i Paesi che applicano la pena di morte. Sono, in particolare, 45 gli stati nel mondo in cui la sentenza capitale è legittimata dalla legge ed è applicata.Tra questi, stupiscono, in particolare, il numero di stati nei quali vige un regime democratico liberale. 

 

STATI A REGIME DEMOCRATICO CHE APPLICANO LA PENA DI MORTE  - Gli stati in questione sono Bahamas, Botswana, Giappone, India, Indonesia, Mongolia, Stati Uniti d’America.

 

STATI A REGIME NON DEMOCRATICO CHE APPLICANO LA PENA DI MORTE - Gli altri Paesi sono: Afghanistan, Arabia Saudita, Autorità Nazionale Palestinese, Bahrein, Bangladesh, Bielorussia, Ciad, Cina, Corea del Nord, Cuba, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Etiopia, Giordania, Guinea, Guinea Equatoriale, Iran, Iraq, Kuwait, Libano, Libia, Malesia, Nigeria, Oman, Pakistan, Qatar, Repubblica Democratica del Congo, Singapore, Siria, Somalia, Sudan, Thailandia, Uganda, Vietnam, Yemen e Zimbabwe. 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO CON I DATI SULLA PENA DI MORTE NEL MONDO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO