BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ATTACCHI AL PAPA/ Nascondono una guerra? La tesi in un articolo di Maurizio d'Orlando pubblicato su AsiaNews.it

Pubblicazione:

bombardiere_R375.jpg

Un articolo a firma Maurizio d’Orlando, pubblicato sul sito di informazione cattolico AsiaNews.it, prospetta scenari inquietanti dietro la recente ondata di attacchi contro il Papa e la chiesa cattolica. La tesi di un possibile bombardamento sull’Iran, fortemente voluto da Israele e appoggiato dagli Stati Uniti, parte dalla rilevazione della strana coincidenza degli attacchi mediatici dei media dei maggiori paesi occidentali tutti nel medesimo momento. E’ un fatto che lo “scandalo pedofilia” di cui si incolpa la chiesa cattolica e Papa Benedetto XVI in prima persona, per fatti che risalgono quasi tutti a circa 40 anni fa, sia partito tutto in contemporanea. In prima fila il New York Times come ben si sa che ha rilasciato gli interventi più duri contro il Papa, tanto che il Wall Street Journal si è sentito in dovere di sfidare con un editoriale questa serie di diffamazioni.

Oltretutto, precisa d'Orlando, il New York Times si è ben guardato da parlare di casi di pedofilia negli Stati Uniti che coinvolgono invece anche esponenti della religione ebraica, quasi che i soli responsabili di tali atti fossero i preti cattolici. Che poi del 4% dei preti americani accusati, solo l’1% è risultato effettivamente colpevole. Secondo d'Orlandi, dietro tutto ciò c’è una strategia ben precisa. Che parte da una notizia riportata dall’agenzia Reuters il 26 marzo ripresa inizialmente dal Washington Post e poi immediatamente scomparsa da ogni organo di informazione di ogni paese occidentale, nel momento esatto in cui partivano gli attacchi mediatici contro la chiesa cattolica.  

 

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO


  PAG. SUCC. >