BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHIESA PERSEGUITATA / Asia News: “In Uzbekistan per i cristiani è vietato anche festeggiare il compleanno”

Pubblicazione:sabato 24 aprile 2010

In Uzbekistan l'Islam è la prima religione In Uzbekistan l'Islam è la prima religione

 

Fonti locali riportano che numerosi cristiani sono stati minacciati in modo simile in forza dell’articolo 244-3 del Codice penale, che punisce con il carcere fino a tre anni la “produzione illegale, il possesso, l’importazione e la distribuzione di letteratura religiosa”. Secondo chi vive in Karakalpakstan, la polizia opera una ricerca capillare di letterature religiosa, appena la trova denuncia il possessore, talvolta la polizia ha portato libri religiosi nelle case dei fedeli cristiani e li ha denunciati per il loro possesso. I libri religiosi sono poi confiscati e bruciati.
E aggiunge Asia News: “Nella regione è esercitata una speciale sorveglianza sugli studenti, ai quali è intimato di non coinvolgersi con ‘religioni estranee (alla nostra tradizione) e influenze estremiste e culture di massa di basso livello’. Chi lo fa, rischia l’espulsione dalla scuola e può essere applicato l’art. 240, parte 2 del Codice amministrativo, che proibisce di ‘attirare i credenti in una confessione verso un’altra (proselitismo) e altre attività missionarie’”. Per il 2010 sono previsti vari incontri con i giovani, per spiegare loro il cattivo influsso di religioni straniere.

 

 

CLICCA QUI O SUL PULSANTE >> PER LEGGERE IL RESTO DELL'ARTICOLO SUI CRISTIANI PERSEGUITATI IN UZBEKISTAN


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >