BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

YOUTUBE STRAGE/ Video - Iraq, i piloti dell'Apache scambiano teleobiettivi per lanciarazzi. E sparano su un reporter della Reuters e altre 11 persone

 Un errore di valutazione fatale, una tragica svista, e 12 persone perdono la vita senza che la cosa per anni abbia una spiegazione. Siamo nel 2007, in Iraq, in una strada di Bagdad

strage-elicotteroR375.jpg(Foto)

Un errore di valutazione fatale, una tragica svista, e 12 persone perdono la vita senza che la cosa per anni abbia una spiegazione. Siamo nel 2007, in Iraq, in una strada di Bagdad. Namir Noor Eldeen, reporter dell’agenzia Reuters si aggira per le strade della città assieme al suo autista Said Chmagh. Ha con sé i lunghi teleobiettivi della sua fotocamera. La zona in cui Namir Noor Eldeen sta transitando è sorvolata da due elicotteri militari Apache. I soldati scorgono qualcosa di lungo, cilindrico. Non capiscono che sono i teleobiettivi della fotocamera di Namir Noor Eldeen. Li scambiano per dei lanciarazzi. E, secondo le regole d’ingaggio, aprono il fuoco a vista. Namir Noor Eldeen, Said Chmagh, ed altre 10 persone, così, muoiono.


 I fatti sono stati resi noti grazie ad un video diffuso lunedì dal il sito Wikileaks.org. La Reuters, a lungo ne aveva chiesta copia al Pentagno, senza mai aver risposta. Il sito lo ha ricevuto da un fonte interna. Nel video, girato dall’interno di uno dei velivoli, nonostante la versione ufficiale sostenga che due elicotteri abbiano aperto il fuoco per proteggere una pattuglia americana, non si vede alcuna sparatoria. Secondo il Pentagono il giornalista non fece nulla per farsi riconoscere. I piloti non hanno subito alcun provvedimento, perché esisterebbero delle foto comprovanti la presenza di granate e fucili, vicino ai cadaveri.

Leggi anche: MEDIO ORIENTE/ Parsi: Israele saprà approfittare delle distrazioni di Obama?, di V. E. Parsi

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON IL VIDEO DI YOUTUBE GIRATO DAGLI ELICOTTERI APACHE, IN CUI I PILOTI APRONO IL FUOCO SUL REPORTER DELLA REUTERS, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO