BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

KACZYNSKI / Nella cabina di pilotaggio c’erano degli estranei: l’inchiesta russa conferma sospetti e misteri

Pubblicazione:

lech-kaczynski_R375.jpg

L'aereo, un Tupolev Tu-154, precipitando aveva decimato le principali cariche istituzionali. Nell’incidente erano morte, complessivamente 154 persone: 96 passeggeri, 8 membri dell'equipaggio e 88 membri della delegazione polacca. Il presidente polacco Lech Kaczynski si stava recando con la moglie Maria a Smolensk, nella Russia occidentale, per commemorare le vittime di Katyn, la città dove avvenne l'eccidio passato alla storia come il massacro della foresta di Katyn. Là, nel corso della seconda guerra mondiale,  22mila soldati e civili polacchi vennero massacrati nel corso di un'esecuzione di massa da parte dei sovietici.

 

Sull'aereo precipitato, oltre al presidente polacco c'erano il vicepresidente del Parlamento, Jerzy Smajdinski, il vicecancelliere del Parlamento Wladyslaw Stasiak, il capo di stato maggiore dell'esercito polacco Frantiszek Gagori, il governatore della Banca centrale di Polonia Slawomir Skrzypek, il vice presidente del il partito conservatore dei gemelli Kaczynski (Pis) Przemyslaw Gosiewski, i parenti degli ufficiali della strage sovietica di Katyn, alcuni membri del gabinetto di Kaczynski, l'ex presidente Ryszard Kaczorowski, alcuni deputati, il candidato conservatore alle prossime presidenziali, il viceministro degli Esteri Andrzej Kremer e il vescovo cappellano dell'esercito.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER IL VIDEO-SIMULAZIONE DELL'INCIDENTE AEREO


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >