BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MAREA NERA/ Erin Brockovich contro la Bp: “Potrebbe essere la battaglia più grande di tutti i tempi”

Pubblicazione:

piattaforma-petrolifera-esplosaR375.jpg

ERIN BROCKOVICH DICHIARA GUERRA ALLA BP - Erin Brockovich muove battaglia contro la Bp, la compagnia petrolifera responsabile della gigantesca chiazza di petrolio che sta continuando a inquinare il mare del Golfo del Messico e che ormai si è spinta al’interno delle coste della Louisiana. Erin Brockovichm resa famosa da Julia Roberts nell’omonimo film, sta tentando di convincere i danneggiati dalla marea a fare causa alla Bp.

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUAREA A LEGGGERE L’ARTICOLO SU ERIN BROCKOVICH

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI ESTERI DE ILSUSSIDIARIO.NET

 

Erin Brockovich scende in campo contro la Bp. Come promesso l’ambientalista, resa notadall’omonimo film che fruttò un premio Oscar a Julia Roberts, è sbarcata a Pensacola, in Florida, per esortare centinaia di residenti e operatori economici locali a fare causa alla compagnia petrolifera responsabile della marea nera nel Golfo del Messico in seguito all’esplosione della Deepwater Horizon. «Non accettiamo più la vostra merda» ha detto la Brockrovich, 50 anni, che nel 1991, con le su rivelazioni diede il via ad una battaglia contro la Pacific Gas and Eletric accusandola dell’inquinamento di falde acquifere con Cromo 6. La compagnia fu condannata a pagare risarcimenti per 333 milioni di dollari e la Brockovich si guadagnò un bonus di 2,5 milioni dallo studio legale per cui lavorava. Erin Brockovich è arrivata a Pensacola, scrive il Times on line, con la sponsorizzazione di uno studio legale locale ed uno di New York. L’intento è quello di convincere pescatori, operatori turistici e semplici cittadini a servirsi dei loro avvocati per fare causa alla British Petroleum responsabile di quello che potrebbe in futuro essere ricordato come il più grave disastro ambientale nella storia degli Stati Uniti, con un impatto addirittura maggiore di quello causato dalla petroliera Exxon Valdez nel 1989, in Alaska.«Potrebbe essere la battaglia più grande di tutti i tempi» ha affermato la Brockovich davanti a una platea di circa 300 persone. «Questo inquinamento ha le potenzialità per diventare uno dei peggiori disastri ambientali della nostra vita».

 

Leggi anche: MAREA NERA / I russi: Lanciate una bomba atomica e il petrolio si fermerà

 


CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUAREA A LEGGGERE L’ARTICOLO SU ERIN BROCKOVICH

 

 


  PAG. SUCC. >