BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

COREA DEL NORD/ Sisci (La Stampa): è la "buccia di banana" che può creare un disastro mondiale

coreadelnordR375.jpg(Foto)

Quello che sappiamo è che è una monarchia assoluta mascherata da regime comunista. E’ l’unica dittatura ereditaria del pianeta. Kim Jong è stato messo al potere dal padre Kim Il-Sung. Si tratta di un Paese attraversato da numerose contraddizioni, istituzionalmente folle.

 


Ci parli, invece, della Corea del Sud.

 

Anche il Sud Corea ha grandi difficoltà interne. Anzitutto, il presidente eletto con un agenda dura di confronto, Lee Myung Bak (a differenza dei suoi predecessori, che erano portabandiera di una linea morbida), non può cedere alla prima occasione. Non può piegarsi ai ricatti nordcoreani, perché perderebbe di credibilità. D’altra parte la Corea del Sud sta cercando una via di compromesso. Nessuno si è precipitato a sparare. Ma non può essere sconfitta diplomaticamente, alla luce dell’affondamento di una corvetta e di 46 soldati morti. Fatto che rappresenta, già di per sé, un casus belli.

 

Cosa dobbiamo attenderci, nell’immediato futuro?

 

Come è già accaduto altre volte, le frizioni e le tensioni potrebbero rientrare. Non sappiamo, tuttavia, se la situazione tornerà alla normalità come altre volte, perché non sappiamo cosa succede in Nord Corea.

 

La guerra, quindi, è un’ipotesi realistica?

 

Sì. La situazione in Nord Corea potrebbe essere talmente critica che questi potrebbero pensare: “muoia Sansone con tutti i filistei”. Sta di fatto che avrebbe ben pochi vantaggi nell’entrare in guerra. E’ vero che Pyongyang possiede 8mila cannoni che, se attivati contro Seul, provocherebbero centinaia di migliaia di morti. Ma, una volta aperto il fuoco, sarebbe annientata. E chi rimetterebbe in piedi un paese di 22 milioni di abitanti sfasciato? C’è un'altra ipotesi.

 

Quale?

 

Potrebbe trattarsi di un gioco di brinkmanship, in cui i nordcoreani sono maestri. Si tratta di esasperare una situazione esplosiva, per raggiungere il risultato più vantaggioso. Potrebbero effettuare minacce politiche e militari per avere, in cambio della loro cessazione, dei soldi, degli aiuti.

 

La Corea del Nord è in possesso della bomba atomica. In caso di guerra potrebbe usarla?