BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

COREA DEL NORD/ Sisci (La Stampa): è la "buccia di banana" che può creare un disastro mondiale

Pubblicazione:giovedì 27 maggio 2010

coreadelnordR375.jpg (Foto)

La tensione tra la Corea del Nord e la Corea del Sud è salita, in questi giorni, alle stelle. Le frizioni tra una delle più spietate dittature del mondo e la democrazia orientale di Seul potrebbero deflagrare. Non è esclusa una guerra. Il leader nordcoreano Kim Jong Il ha messo infatti, giovedì scorso, l’esercito in stato di allerta contro la Corea del Sud. Ha impartito l’ordine, dopo che il Paese confinante aveva diffuso il risultato dell'inchiesta internazionale secondo la quale una nave militare sudcoreana, la Cheonan, era stata affondata il 26 marzo da un siluro nordcoreano, portandosi con sè 46 militari. «Le gang dell'esercito fantoccio sudcoreano hanno recentemente oltrepassato le nostre acque territoriali senza restrizioni», è stata la dichiarazione delle tv di stato nordcoreane per giustificare l’attacco. Anche se, in realtà, pare che i motivi reali siano ben differenti. Quali siano gli interessi in gioco e gli scenari futuri più probabili lo abbiamo chiesto al corrispondente de La Stampa a Pechino, Francesco Sisci.

 

Tutto ha inizio dall’affondamento della corvetta militare. Cosa ha spinto la Corea del Nord a compiere un gesto del genere?

 

La verità è del tutto ignota. Si parla di sconfinamento nelle acque territoriali sudcoreane. Un’altra ipostesi vuole che si tratti di una vendetta per un affondamento di qualche anno fa in cui morirono dei nordcoreani. Queste sono, tuttavia, solo scuse. E decisamente banali. Non è chiaro, in realtà, perché abbiano scelto di silurare la corvetta, e perché abbiano deciso di farlo con questa tempistica.

 

Quali sono, quindi, secondo lei, le cause reali della tensione in corso tra i due Stati?

 

Pare che il Nord Corea sia attraversato da due fondamentali motivi di tensione: sembra che sia in atto una profonda crisi economica, derivata dal fallimento delle riforme economiche di dicembre; e che il dittatore Kim Jong-Il sia molto malato, mentre il successore, il figlio, ha solo 27 anni.

 

Perché dice “sembra”?

 

Perché non è chiaro quanto questi elementi siano reali e significativi. Noi, infatti, della politica interna nordcoreana sappiamo molto poco. C’è una crisi interna, e qualcuno sta cercando di affermare la linea dura. Non sappiamo, tuttavia, se questo qualcuno sia Kim Jong Il, oppure i generali.

  

Com’è possibile che, dall’interno della Corea del Nord, non trapeli nulla? Che regime vige nel Paese?

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI ESTERI

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI POLITICA

 


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, OPPURE CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO 

 


  PAG. SUCC. >