BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

STRATEGIE/ La Francia della realpolitik cede alle sirene cinesi

Nicolas Sarkozy e Hu Jintao (Foto Ansa)Nicolas Sarkozy e Hu Jintao (Foto Ansa)

Tra le dichiarazioni di Sarkozy ve n’è una più rilevante di altre, ovvero quella che riconferma l’esistenza di un’unica Cina e l’appartenenza sia di Taiwan che del Tibet a quest’ultima. Sarkozy ha aggiunto che questa è la politica adottata dalla Francia sin dal 1964 e che a oggi non ci sono cambiamenti in tal senso.

 

La riconciliazione tra questi due grandi Paesi rappresenta sotto molti aspetti un evento positivo. Resta indubbiamente spiacevole vedere la politica estera della Francia, da sempre rappresentante dei valori della democrazia nel mondo, sacrificare il proprio prestigio a favore di una realpolitik che forse, più che definirsi come strategia di lungo periodo, si schiera a favore di interessi particolari e contingenti.

 

(Niccolò Lollini - collaboratore di Equilibri.net

© Riproduzione Riservata.