BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GRAN BRETAGNA/ Cosa hanno in mente Brown e Cameron per vincere le elezioni?

Pubblicazione:

David Cameron e Gordon Brown (Ansa)  David Cameron e Gordon Brown (Ansa)

«La nostra società è rotta, ma insieme possiamo ripararla e costruire una Grande Società». Parola dei Conservatori e del loro manifesto per le elezioni del prossimo 6 maggio. Nessuna parola è stata scritta a caso, a partire dalla società rotta (leitmotiv di David Cameron negli ultimi quattro anni) fino alla Grande Società, scritto con maiuscole per segnalare l’importanza strategica di questa nuova idea.

 

Certo è che, anche grazie a questo slogan, in Gran Bretagna la società civile è stata messa al centro della campagna elettorale: più che un tema fra i tanti, una svolta radicale nel modo di governare. Lo spiega bene il titolo del programma di Cameron, Invitation to join the government of Britain: non si tratta più di dare il potere ma di condividerlo.

 

Come? Qui entra subito in gioco la società civile. I Tories prevedono il trasferimento di alcuni servizi pubblici verso organizzazioni non profit e la creazione di cooperative di lavoratori del settore pubblico. Queste idee chiaramente hanno eccitato il non profit, anche se per legge le charity non possono esprimere preferenze politiche: basta però leggere i titoli della newsletter quotidiana di Third Sector Online.

 

La società civile non è però stata dimenticata dagli altri partiti. Anche il partito Laburista ha fatto promesse simili al terzo settore. Quello che Brown ha proposto è una “shareholding society”: una società di cui ogni persona possiede una parte. Identico il valore dato alle cooperative di dipendenti pubblici e in generale allo sviluppo delle imprese sociali.

 

Entrambi i partiti, poi, si sono pronunciati su giovani e volontariato. I Tories propongono un “National Citizen Service”, una sorta di servizio civile di un mese per i sedicenni, mentre i Laburisti prevedono un “National Youth Community Service”, cioè 50 ore di volontariato che ciascun giovane dovrebbe dare alla propria comunità prima di compiere 19 anni.

 

I Tories hanno parlato di un “Big Society Day” e di una “Big Society Bank” e previsto addirittura che ogni adulto del Regno Unito faccia obbligatoriamente parte di un gruppo di vicinato, una sorta di micro associazione per favorire l’attivismo di comunità.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >