BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AEREO CADUTO/ Anniversario maledetto per l’Airbus dell’Air France precipitato un anno fa nell’oceano

Pubblicazione:

aereo-air-franceR375.jpg

MANCANZA DI TATTO - Solo il numero del volo è stato cambiato da Air France, da AF447 ad AF445, come è prassi dopo un disastro mortale. Maarten van Sluys, che rappresenta le famiglie delle vittime, ha dichiarato: «Questo è esattamente lo stesso volo che ci ha privati dei nostri parenti e amici. Qualsiasi fossero le intenzioni di Air France, è stata in ogni caso una mancanza di tatto e di riguardo per il nostro stato emotivo molto fragile. Numerosi di noi non hanno messo più piede su un aeroplano dal giorno dell’incidente e molti stanno ora cercando di vincere questa paura perché vogliono a tutti i costi partecipare alla cerimonia di Parigi in onore delle vittime. Ma è particolarmente irragionevole per queste persone dover volare su un Airbus».

 

 

GLI ERRORI DELLA COMPAGNIA - L’Airbus AF445 dell’Air France avrebbe avuto numerosi posti vuoti. «Volevano solo riempire l’aeroplano e hanno quindi prenotato il nostro gruppo di cento persone», ha dichiarato Maarten van Sluys al quotidiano tedesco Spiegel Online. Numerosi familiari delle vittime hanno accusato Airbus e Air France di aver commesso gravi errori che ritengono abbiano portato alla catastrofe. Affermano infatti che la società produttrice dell’Airbus ha installato un sistema di misurazione della velocità, il cosiddetto tubo di Pitot,che in passato è ghiacciato o è andato in tilt durante delle forti turbolenze. A sollevare altre polemiche il modo in cui Air France ha annunciato di avere riportato perdite da 1,56 miliardi di euro tra il primo aprile 2009 e il 31 marzo 2010.

 

 

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’ANIVERSARIO DELLA CADUTA DELL’AIRBUS DELL’AIR FRANCE


 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >