BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ISRAELE/ Video – Un gruppo di israeliani festeggia l’attacco alla nave dei pacifisti davanti all’ambasciata turca

Pubblicazione:

israelefesteggiaR375.jpg


UN GRUPPO DI ISRAELIANI FESTEGGIA L’UCCISIONE DEI PACIFISTI
- Un gruppo di israeliani festeggia, di fronte all’ambasciata turca, per l‘attacco alla nave degli attivisti e per l’uccisione di 9 pacifisti filo palestinesi. Il gruppo di israeliani che festeggia di fronte all’ambasciata turca contribuisce ad alimentare la tensione già alle stelle.

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON IL VIDEO DEGLI ISRAELIANI CHE FESTEGGIANO PER L’ASSALTO ALLA NAVE DEI PACIFISTI FILOPALESTINESI

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NEWS DI ESTERI


La tensione è alle stelle in Medio Oriente dopo che la scorsa notte i soldati israeliani hanno assaltato una  nave di attivisti pacifisti filo palestinesi. Nell’attacco alla nave, che pare stesse tentando di rompere il blocco della Striscia di Gaza per recare aiuti umanitari alla polazione, sarebbero morti almeno 9 pacifisti. La flottiglia della quale faceva parte la nave attaccata, era composta da 6 convogli, a bordo dei quali c’erano, complessivamente, circa 500 persone. Il blitz ha obbligato il premier israeliano Netanyahu a interrompere la visita in Nord America e ad annullare l'incontro con il presidente Obama a Washington, il quale, in un colloquio telefonico, ha chiesto a Netanyahu di metterlo a conoscenza della versione corretta dei fatti «il prima possibile». Intanto, a gettare benzina sul fuoco, ci pensa un gruppo nutrito di israeliani che, di fronte all’ambasciata turca, ha festeggiato per l’attacco alla nave e per l’uccisione degli attivisti filo palestinesi.

 


Leggi anche: MEDIO ORIENTE/ Parsi: ecco perché Israele ha attaccato le navi dei pacifisti

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CON IL VIDEO DEGLI ISRAELIANI CHE FESTEGGIANO PER L’ASSALTO ALLA NAVE DEI PACIFISTI FILOPALESTINESI

 

 



  PAG. SUCC. >