BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GAFFE/ Ségolène Royal cita Léon-Robert, ma esiste solo su Wikipedia: “Era una storia così bella…”

Pubblicazione:

SEGOLENEr375.jpg

LA GAFFE DI SEGOLENE SEGOLENE ROYAL - Gaffe imbarazzante per Ségolène Royal che, citando Léon-Robert de L’Astran in una nota su Facebook in occasione della commemorare per giornata nazionale contro lo schiavismo, il 10 maggio scorso, non si è resa conto di parlare di un personaggio inventato Wikipedia. Ségolène Royal, accortasi della gaffe su Léon-Robert, non ha potuto fare altro che giustificarsi.


CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLA GAFFE DI SEGOLENE ROYAL


Leggi anche: MEDIO ORIENTE/ Farouq: i cristiani ascoltino il Papa, noi musulmani abbiamo bisogno di loro, di W. Farouk


Intristita e imbarazzata, non le è rimasto che chiedere scusa: «Era una storia così bella...». Così, Ségolène Royal, la candidata socialista sconfitta da Nicolas Sarkozy alle scorse presidenziali, si è giustificata per la gaffe commessa in un accorato messaggio postato su Facebook. Dove, per commemorare la giornata nazionale contro lo schiavismo, il 10 maggio scorso, ha avuto la brillante idea di citare Léon-Robert de L’Astran: ovvero di colui che, nato il 20 gennaio 1767 a La Rochelle, morto il 7 aprile 1861 nello stesso porto del Poitou-Charentes, naturalista ed erudito, viaggiatore ed umanista, figlio di René-Charles de l’Astran-Rochambault-d’Hoyen, diventato ricco come armatore, si sarebbe opposto alla tratta degli schiavi, e avrebbe rifiutato di trasportarli con le navi ereditate dal padre. Il condizionale è d’obbligo come non mai. Perché Léon-Robert de L’Astran non è mai esistito. E’ frutto dell’immaginazione di uno studente che nel 2007 ne ha creato il personaggio inserendone la biografia su Wikipedia, dalla quale la Royal ha tratto ispirazione.


LEGGI ANCHE LE LA ALTRE NEWS DI ESTERI

 

CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLA GAFFE DI SEGOLENE ROYAL 

 

 


  PAG. SUCC. >