BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIBATTITO/ La società plurale sfida l’impero dei diritti

alberidalbassoR375_23ago09.jpg (Foto)

 

Davanti a questo protagonismo del lessico dei diritti, il filosofo della politica Pierre Manent ci invita tuttavia a guardare oltre, o meglio, dentro a questo “illusorio impero del diritto” perché svelare quest’illusione sarebbe indispensabile per comprendere l’evoluzione dei meccanismi di funzionamento delle democrazie occidentali di matrice liberale.

 

Andando infatti alla radice dell'“attualità e dell’ambiguità dei diritti fondamentali”, come ci insegna Sergio Cotta, tutte le dinamiche esemplificate ci conducono a riprendere la discussione attorno all’universalità dei diritti fondamentali del soggetto, riprendendo l’analisi attorno al problema del loro fondamento: se tali diritti siano un puro prodotto della tecnica giuridica, oppure siano radicati nella struttura essenziale dell’umano.

 

Questa domanda è resa tra l’altro più urgente se pensata in relazione a fenomeni come l’indebolimento delle sovranità politico-economiche nazionali, gli esperimenti sempre più diffusi di sussidiarietà orizzontale, con i loro riflessi sui modelli di organizzazione dei servizi pubblici di base, ad esempio sui diversi modelli di welfare, la continua crescita di peso di una società civile transnazionale, che si coordina attraverso istituzioni non statali e non politiche, come nel caso del ruolo delle agenzie di rating nei processi di governance finanziaria internazionale.

 

Non è un caso dunque se lo Studium Generale Marcianum di Venezia ha assunto queste sfide attraverso la nuova Alta Scuola Società Economia e Teologia (Asset). Di questa nuova alta scuola uno dei momenti centrali di riflessione e di lavoro sarà la Summer School Internazionale “Ripensare i diritti in una società plurale” che si terrà a Venezia il prossimo settembre (il programma dettagliato www.marcianum.it) con il contributo di costituzionalisti, economisti, filosofi della politica e del diritto, esperti di diritto islamico, bioeticisti e politici appartenenti di tutto il mondo.

 

Michela Sterpini

© Riproduzione Riservata.