BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

DIBATTITO/ La società plurale sfida l’impero dei diritti

I diritti sono spesso al centro del dibattito pubblico politico e sociale, ma la discussione è davvero ben impostata? MICHELA STERPINI ne parla a IlSussidiario.net

alberidalbassoR375_23ago09.jpg(Foto)

Ogni giorno sentiamo invocare, rivendicare diritti. Dalla cronaca parlamentare politica fino ai talk show televisivi più popolari la rivendicazione dei diritti a differenti livelli caratterizza il dibattito pubblico non solo del nostro Paese, ma di tutte le democrazie occidentali.

Il richiamo al diritto alla privacy in materia di intercettazioni collegato alla richiesta di tutela della libertà di stampa e di comunicazione invocati dai professionisti dell’informazione sono due primi esempi di stretta attualità.

Il dibattito sulla regolamentazione giuridica e quindi sui cosiddetti “nuovi diritti” legati all’inizio e al fine vita e al progresso tecno-scientifico, applicato ad esempio lungo la “nuova frontiera” della clonazione, sono altri fenomeni emergenti collegati alla gestione della complessità delle società tardo-moderne attraverso il diritto.

Un ultimo fondamentale esempio è dato dal fenomeno della compresenza di culture giuridiche differenti che chiedono di essere riconosciute o addirittura che, rispetto ad alcune materie, si pongono come alternativa alla cultura giuridica tradizionale del paese in cui si radicano. Si pensi alla problematicità posta allo stato di diritto dalla diffusione della sharia come sistema giuridico di riferimento in una porzione limitata del territorio nazionale, come nel caso di alcuni quartieri inglesi nei quali la presenza musulmana è prevalente; ma si pensi anche alla difficoltà di intesa tra culture giuridiche ispirate anche a principi religiosi (come quelle derivanti dalla tradizione giudaico-cristiana) e culture giuridiche che negano la possibilità di affermare il fatto religioso nello spazio pubblico.

Questi rilievi sociologici evidenziano come non ci sia settore di pubblico interesse che ormai non veda il diritto – o meglio, i diritti – giocare un ruolo primario. Politica, relazioni internazionali, economia, persino religione e cultura vengono affrontate dedicando una particolare considerazione al profilo giuridico.