BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INCHIESTA/ Il rapporto segreto della Bp: perché tace sulla salute degli operai?

Pubblicazione:

Operai al lavoro pr fermare il petrolio  Operai al lavoro pr fermare il petrolio

I DOCUMENTI DI LOUISIANA E ALABAMA - Gli unici dati disponibili sono quindi quelli delle agenzie dei singoli Stati. In primo luogo della Louisiana, dove sono stati identificati 71 casi di malattia collegati all’esposizione chimica alla fuoriuscita di petrolio, di cui 50 hanno colpito i lavoratori e 21 altre persone. Otto operai sarebbero anche stati ricoverati per un breve periodo di tempo, anche se la maggior parte aveva sintomi che sono passati rapidamente. Oltre la metà delle segnalazioni riguarda persone che stavano lavorando in alto mare al momento dell’esposizione. Gli operai che hanno riportato le malattie stavano compiendo una serie di attività di ripulitura, come posizionare le paratie mobili per fermare il petrolio, bruciare le chiazze, lavorare direttamente all’impianto di perforazione. Tra i sintomi ci sono sangue da naso, irritazione di gola e occhi, tosse, difficoltà respiratoria, nausea, vomito, diarrea, eruzioni cutanee, dolori al petto e mal di testa.

 

«TUTTO IN REGOLA» - Altri 15 casi di malattia si sono verificati in Alabama. E nonostante le critiche rivolte da diversi media Usa al piano della BP per proteggere gli operai che stanno ripulendo la chiazza, l’ufficio stampa della British Petroleum ha spiegato telefonicamente a ProPublica di avere sempre rispettato le norme federali sulla sicurezza sul lavoro.

 

Un’ affermazione che non risolve però il giallo sul numero delle malattie totali causate dalla marea nera. I cui effetti potrebbero non limitarsi ai sintomi, non particolarmente gravi, riportati dal rapporto della Louisiana. Per fare maggiore chiarezza il Sussidiario ha intervistato Marian Wang, autrice dell’inchiesta uscita su ProPublica.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >