BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GROUND ZERO/ Trovati altri resti umani degli attentati dell'11 settembre 2001, più di mille le persone ancora da identificare

TWINTOWER_R375.jpg (Foto)


 

Un anno dopo la decisione di sospendere le ricerche, più di 300 frammenti di ossa umane furono ritrovate sul tetto della Deutsche Bank, un edificio poco distante dalle Torri Gemelle. Gli operai erano intenti al suo abbattimento. I familiari delel vittime richiesero che si riaprisse la ricerca di resti umani. Nell’ottobre del 2006, poi, altri resti umani furono ritrovati in due tombini poco distanti e nell’aprile del 2008 i resti di altre quattro vittime furono identificati grazie a del materiale usato originariamente per costruire una strada che ricoprisse Ground Zero. Il Fresh Kill Landfills, considerata la più grande discarica degli Stati Uniti, aperta originariamente nel 1948, è la zona dove sin da subito sono state portate le macerie del crollo.

Era stata chiusa proprio nel marzo del 2001 e riaperta immediatamente dopo gli attentati. Le parti più grosse dei resti dei palazzi, ad esempio le parti d’acciaio, sono state usate per i vari memorial che sono stati inaugurati, a round Zero, davanti al Pentagono e in Pennsylvania dove si schiantò l’ultimo aereo. Ventiquattro tonnellate di acciaio sono invece state riutilizzate per la costruzione di una nave da guerra, la USS New York. Nell’insegna della nave sono raffigurate le Torri Gemelle e i colori dei dipartimenti di New York che per primi hanno risposto all’emergenza dell’11 settembre. A tutt’oggi innumerevoli sono state le dichiarazioni secondo le quali Osama Bin Laden, mente ispiratrice degli attentati dell’11 settembre 2001, sarebbe stato ucciso.



CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE DEL RITROVAMENTO DI RESTI UMANI A GROUND ZERO