BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

YOUTUBE/ Un video parodia di “We are the world” diffuso dal governo israeliano

Pubblicazione:domenica 6 giugno 2010

YOUTUBE ISRAELE – Una parodia di We are the world, dal titolo Flotilla - We con the world (Flotilla, noi inganniamo il mondo) è stato diffuse dal governo israeliano nei giorni immediatamente successive all’attacco alla nave degli attivisti pro-Palestina. Il video evidentemente è stato registrato prima che si sapesse l’esatto effetto dell’attacco dei soldati israeliani, cioè gli attivisti uccisi. Il governo israeliano ha infatti chiesto scusa: “Abbiamo inavvertitamente diffuso il link di un video che avevamo ricevuto, che dovevamo valutare con attenzione, non diffondere pubblicamente. Il contenuto di quel video non riflette in alcun modo la politica ufficiale dello Stato di Israele, dell’ufficio stampa del governo e di ogni altri istituzione pubblica”. Nel video si vedono degli attori che imitano i protagonisti di We are the world (peraltro molto bene) che cantano sulle note della canzone scritta da Michael Jackson e Lionel Ritchie, frasi come “Faremo loro credere che Hamas è Madre Teresa”, e anche “la verità non arriverà mai nelle vostre televisioni, siamo pacifici viaggiatori con fucili e coltelli”.


CLICCA SU QUESTO LINK PER VEDERE IL VIDEO DIFFUSO DA ISRAELE SUGLI ATTIVISTI PRO GAZA


 

CLICCA SU QUESTO LINK PER ANDARE ALLA PAGINA CON TUTTE LE NOTIZIE DI ESTERI



La canzone prosegue così: “Arriva un momento in cui si deve fare uno show, per il mondo, per il web, per la Cnn”, canta un uomo vestito da capitano della nave. “Non c’è nessuno che muore, quindi la cosa migliore è organizzare un bluff”. Gli attivisti devono insistere nel “far finta che a Gaza ci siano crisi, fame e malattia. Perché miliardi di dollari d’aiuti non soddisferanno le esigenze fondamentali, come un po’ di formaggio e missili per i bambini”.




CLICCA SU QUESTO LINK PER VEDERE IL VIDEO DIFFUSO DA ISRAELE SUGLI ATTIVISTI PRO GAZA


  PAG. SUCC. >