BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GRAN BRETAGNA/ Condannato per pedopornografia, il trans evita il carcere. Il giudice: sarebbe un'esperienza infernale

Ha scaricato del materiale pedopornografico, ricevuto una condanna, ma il giudice ha deciso di evitarle il carere.

ombra_bambinoR375.jpg (Foto)

Ha scaricato del materiale pedopornografico, ricevuto una condanna, ma il giudice ha deciso di di evitarle il carere. Questo perché Laura Voyce è un transessuale, e «il carcere sarebbe un’esperienza terribile», ha dichiarato il giudice.

E’ stata riconosciuta colpevole di 14 capi d’imputazione, tra cui quello di aver scaricato materiale pedopornografico di grado 4, il secondo peggiore come livello di gravità. Ma, nonostante ciò, il giudice ha deciso di non destinarla al carcere. Il fatto è che lei è un transessuale. Biologicamente è un uomo. Ma legalmente è considerata una donna. Il suo vero nome è Luke, ed ora si fa chiamare Laura Voyce. Avrebbe dovuto scontare 9 mesi di carcere, ma il giudice donna di Manchester, Lesley Newton ha preferito optare per 100 ore di lavori socialmente utili e l’iscrizione nel “Sex Offenders’ Register” per cinque anni. In prigione, secondo il giudice, non avrebbe resistito un sol giorno.


Leggi anche: TERRORISMO/ Volevano uccidere il Papa. Arrestati 8 Jihadisti arabo-israeliani seguaci di Bin Laden


Leggi anche: AFGHANISTAN/ Feriti tre militari italiani in uno scontro a fuoco. In mattinata, un kamikaze si fa esplodere presso la base italiana