BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CANCRO E FRODE/ Ashley Kirilow, una ragazza canadese, si è finta malata terminale. Ha preso donazioni per 20mila dollari

Pubblicazione:

La foto che Ashley aveva messo sulla sua pagina FB: "prima" e "dopo" la cura  La foto che Ashley aveva messo sulla sua pagina FB: "prima" e "dopo" la cura



Nessuno dubitava della sua serietà tanto che i membri della sua pagina Facebook (“Change for a Cure”) erano arrivati alla cifra di oltre 6mila. Pagina che adesso raccoglie solo commenti fatti di insulti e imprecazioni contro di lei. Nel frattempo sono nate pagine FB che la attaccano e che vogliono avvertire chi ancora fosse all'oscuro dell'inganno di Ashley. Nel suo inganno era arrivata al punto di supplicare una organizzazione di beneficenza di pagarle un viaggio a Disney World. Avrebbe realizzato il suo desiderio di condannata a morte, spiegò.

LA VERSIONE DI ASHLEY -  “Volevo essere notata” è la semplice ma incredibile spiegazione fornita da Ashley. Figlia di genitori separati (che hanno altri tre figli e che hanno detto di aver sempre cercato di starle vicino), la ragazza nelle sue spiegazioni alquanto confuse ha anche detto di soffrire per la separazione dei genitori e di aver cercato in questo modo di farli riavvicinare. “Quello che ho fatto è sbagliato” ha dichiarato.

“Cercavo di farmi notare. Cercavo di far tornare insieme la mia famiglia. Non volevo più sentirmi una nessuno. Ma è andata nel verso sbagliato, la cosa mi è sfuggita di mano e adesso sembra che lo sappia tutto il mondo”. In un’altra versione, Ashley ha dichiarato di essersi comportata così per vendicarsi di come era stata cresciuta dia genitori, impegnati in battaglie legali per la sua custodia. “Ho voluto trovare un modo per far stare male la mia famiglia dopo il modo in cui ero stata cresciuta”.





CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE LA STORIA DELLA RAGAZZA CHE HA FINTO DI ESSERE UNA MALATA TERMINALE
 

 

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >