BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CROAZIA/ Svolta storica, gli italiani potranno chiedere la restituzione dei beni confiscati dopo il 1945

Un'immagine di Rovigno in Istria Un'immagine di Rovigno in Istria

I vari provvedimenti approvati nel corso degli anni da quando la Croazia è diventata indipendente non prevedevano mai gli stranieri, ma solo i cittadini croati. “Come se la proprietà privata dipendesse dalle varie cittadinanze”, dice Furio Radin, presidente dell’Unione Italiana e deputato al parlamento croato (un seggio è riservato alla minoranza): “Aspettavamo da anni una sentenza del genere. Pochi credevano in un verdetto favorevole. Sembra invece che lo Stato di diritto abbia funzionato”.

Il trattato di pace di Parigi del 1947 aveva infatti stabilito che l’Italia pagasse alla Jugoslavia 125 milioni di dollari per i danni provocati alla Jugoslavia durante la guerra. La Jugoslavia, con una decisione unilaterale e non riconosciuta, si mise a confiscare tutti i beni degli italiani residenti nei territori passati a loro, come anticipo del risarcimento.