BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ 1. Peter Hitchens: il mio viaggio dall’ateismo alla fede e quello di Benedetto XVI

Pubblicazione:giovedì 16 settembre 2010

hitchens-peter-R400_4ott10.jpg (Foto)

 

E’ semplicemente ridicola.

 

Secondo quanto dichiarato pochi giorni fa dal portavoce della Conferenza Episcopale inglese, Jack Valero, Papa Benedetto XVI potrebbe incontrare dieci vittime degli abusi in Gran Bretagna. Questo fatto aiuterà a sanare le ferite delle persone che hanno subito degli abusi?

 

Lo spero di cuore. Quanti però desiderano usare questo problema per attaccare la Chiesa cattolica non desisteranno, qualsiasi cosa accada. Verrebbe da pensare, dal modo con cui insistono, che la Chiesa cattolica abbia istruito i suoi sacerdoti perché abusassero dei bambini, e che nessun bambino abbia mai subito abusi nelle istituzioni laiche e liberali. Il vero problema in questo caso è la crescita della furia laicista contro il Cristianesimo.

 

Nel suo libro La rabbia contro Dio racconta che tra gli elementi che hanno giocato un ruolo nella sua conversione c’è stata anche la paura provata di fronte a un quadro, il Giudizio universale di Rogier van der Weyden. Ritiene che l’origine della religione sia un sentimento di paura, o qualche cos’altro?

 

No, l’origine della religione non è certamente la paura. L’origine della religione risiede nel fatto che l’esistenza di Dio spiega così tanti dei misteri dell’universo - specialmente la coscienza.

 

Lo scrittore russo Fedor Dostoevskij, negli appunti del romanzo I demoni, si domandava: «Un uomo colto, un europeo dei nostri giorni può credere, credere proprio alla divinità del figlio di Dio, Gesù Cristo?». Lei che cosa risponderebbe?

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE L'INTERVISTA A PETER HITCHENS


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
16/09/2010 - Commento (Carla D'Agostino Ungaretti)

Per fortuna Peter Hitchens si dimostra un po' più intelligente del fratello! Io gli avrei domandato anche come mai il suo fratellino non si è ancora fatto cambiare il suo "christian name" che, guarda caso, è proprio Christopher. Da buon ateo quale egli è, non si vergogna di chiamarsi Cristoforo cioè "Portatore di Cristo"? Oppure, visto che gli inglesi (come dice Peter) sono tutti analfabeti in materia di religione, forse è tanto ignorante da ignorare persino il significato del suo nome? Io propendo per questa spiegazione.