BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

PAPA/ Tornielli: posso testimoniare che il passaggio di Benedetto smonta le proteste

È cominciata ieri la visita di stato in Gran Bretagna di Benedetto XVI. Una sfida per una delle società più secolarizzate d’Europa. Parla ANDREA TORNIELLI, vaticanista del Giornale

benedettoxvi_flashR400_4ott10(1).jpg(Foto)

È cominciata ieri la visita di stato in Gran Bretagna di Benedetto XVI. Nel palazzo reale di Edimburgo il Papa ha incontrato la regina Elisabetta e il principe Filippo e ha tenuto il primo discorso ufficiale. Grande l’attesa, per un viaggio che i pronostici della vigilia non hanno annunciato facile. Fin dal viaggio in aereo, com’era avvenuto per il recente pellegrinaggio in Portogallo, il Papa ha toccato temi cruciali. Il sussidiario ne ha parlato con Andrea Tornielli, vaticanista del Giornale, al seguito di Benedetto XVI in questa visita nel Regno Unito.

Durante il volo da Ciampino a Edimburgo, tra i vari temi toccati il Papa è tornato sulla questione pedofilia, molto sentita in Gran Bretagna.

Sì, e ha detto cose molto forti. Ha detto che le rivelazioni sugli scandali sono state «uno shock» e un motivo di «grande tristezza», aggiungendo che per lui è stato difficile capire come si sia potuti arrivare ad una tale «perversione del ministero sacerdotale». Ha detto che l’autorità della Chiesa non è stata sufficientemente vigilante, veloce e decisa nel prendere le decisioni necessarie per contrastare gli abusi. E ha ribadito il tema della penitenza, della purificazione e della trasparenza. Ma il passaggio che più mi ha sorpreso è stato un altro, ed ha a che fare con il tessuto della società britannica, fortemente secolarizzata.

Parla di quando è stato chiesto al Papa come rendere la fede religiosa, specialmente cristiana, «anche più credibile e attrattiva» in un contesto come quello?

Sì, perché la risposta del Papa colloca la Chiesa all’opposto di un’idea di essa centrata sulle statistiche, sulla presenza numerica dei fedeli, all’opposto insomma di una visione egemonica. Ha detto che una Chiesa che cerca soprattutto di essere attrattiva sarebbe già su una strada sbagliata: la Chiesa, ha detto il Papa, «non lavora per sé, per aumentar i propri numeri e il proprio potere». «La Chiesa è al servizio di un Altro»: serve non per sé stessa ma per rendere accessibile agli uomini la verità di Gesù Cristo.

La verità della Chiesa non dipende dal suo consenso, insomma.

No. il Papa ha dato una risposta che vale non solo per la Gran Bretagna o per un luogo in cui i cattolici sono numericamente minoritari, ma per tutti. Nella misura in cui la Chiesa è trasparente e fa vedere Cristo, lì sta la sua ragione, non nei numeri, non nella sua influenza mondana.

Lei ha assistito all’incontro pubblico del Papa con la regina. Cosa può dire?

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo


COMMENTI
18/09/2010 - la visita del Papa (luisella martin)

Ho acceso casualmente Sat 2000 durante il primo giorno di visita del Papa nel Regno Unito:sono rimasta molto colpita dalle esortazioni che il Papa ha rivolto agli insegnanti,ma non mi é parso che vi fosse un calore particolare da parte della gente. E invece!...Il clima dell'accoglienza é andato man mano crescendo e questo lo si deve solo alla persona del nostro Papa che é uomo colto, intelligente e buono. Ispirato dal Signore ha saputo trovare le parole giuste per arrivare al cuore dei problemi della società tutta,in particolare di quella britannica. Aveva ben visto il giornalista Tornielli sulle positive conseguenze di questa visita! Eppure il diavolo (a cui questo Papa deve dare particolarmente fastidio) non si stanca mai di sminuire e calunniare:rassegnamoci a questo per qualche mese ancora, poi sarà chiara a tutti la grandezza di questo Papa! Avvenne così anche per Giovanni Paolo II, inizialmente accusato di essere "di destra". Per difendere questo Papa ho perso la mia migliore amica,ma ciò che questo Papa mi ha dato attraverso i libri, le encicliche e le omelie vale più di ogni sentimento umano:mi ha aiutato a conoscere me stessa;senza le sue parole forse sarei morta "vecchia", invece di morire,me lo auguro,piena di speranza.

 
17/09/2010 - Benedetto XVI Papa eccezionale! (claudia mazzola)

Quando leggo dei Papi della storia sono certa che hanno una grandezza sovraumana. Giustiziati, esiliati, spergiurati non si arrendono mai, in verità si arrendono ma a Gesù nostro Signore.