BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

MEETING NY/ Oltre il self-made man: è lo "spunto" della crisi USA

Foto: FotoliaFoto: Fotolia

Carla Hendra ha parlato della propria esperienza lavorando con Citizens Bank, e indicandola come esempio di un'azienda che pur generando profitti è in grado di comportarsi in modo umano. Citizens Bank è una banca che si concepisce in relazione con la comunità locale e questa modalità operativa si applica anche all’interno dell'azienda, nelle relazioni tra i dipendenti della banca. Questa esperienza lavorativa ha permesso a Hendra, che non lavora nel settore finanziario, di interrogarsi su quale sia lo scopo vero di una istituzione finanziaria.

 

McGurn ha sottolineato l’importanza di riconoscere il bisogno umano che va al di là della remunerazione nell’ambito lavorativo. Partendo dall'osservazione che ogni uomo vuole essere valorizzato e non è in grado di darsi la felicità da solo, McGurn ha ribadito come non esista un manuale di soluzioni cattoliche al problema economico. Pertanto, l’unico contributo che la fede cattolica ha da offrire al dibattito economico corrente è una nuova prospettiva, uno sguardo nuovo sull’uomo.

 

Parlando del rapporto datore di lavoro/lavoratore, McGurn ha fatto un'interessante analogia con gli ufficiali dell’esercito Americano, dicendo che i migliori ufficiali sono coloro che si mettono al servizio degli altri.

 

Nella sintesi dell’incontro, Sareen ha ripreso e approfondito alcune tematiche affrontate dalla mostra “Dietro la crisi, oltre la crisi: un nuovo concetto di lavoro e finanza” esposta al New York Encounter. Il punto iniziale per ripartire dalla crisi è il desiderio che muove ciasuno di noi. Pur essendoci molte teorie su come motivare un individuo al lavoro, è chiaro come la forza dominante sia il desiderio di felicità. Tale desiderio spinge l’uomo non solo a ricercare il significato della vita, ma anche a lavorare, a trasformare la realtà per renderla accogliente e umana.

 

La crisi è avvenuta esattamente perché il desiderio dell’uomo è stato ridotto al raggiungimento di una serie di obiettivi finanziari che l’hanno reso cieco di fronte alla realtà. Proprio partendo dalla consapevolezza di quello che ci muove nella vita, possiamo guardare in modo diverso ai due motori della crescita economica di lungo periodo: la produttività e il capitale umano. Questi due elementi sono direttamente legati al problema dell’educazione, intesa non solo in termine di aquisizione di abilita tecniche, ma soprattutto di educazione della nostra ragione e della nostra libertà, come enfatizzato dal Papa nell’enciclica “Caritas in Veritate”.