BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SUDAN/ Scontata la vittoria dei sì all’indipendenza del Sud del paese

Sudanesi si recano a votare al referendum per l'indipendenza del SudSudanesi si recano a votare al referendum per l'indipendenza del Sud



E i sudanesi del Sud stanno cominciando a tornare a casa, anche se al momento non c’è ancora alcuna dichiarazione ufficiale di come sia andato il voto. Per le strade della capitale, Khartoum, è già palpabile la rassegnazione della popolazione del Nord al’idea che il paese si dividerà in due. Non saranno solo circa 10 milioni di compatrioti che diverranno presto degli stranieri: è anche il fatto che i territori del Sud del paese contengono circa l’80% delle riserve di petrolio del Sudan.

Un brutto colpo per i 32 milioni di persone che vivono al Nord, e uno dei motivi più evidenti delle violenze durate decenni, oltre a quelle religiose. E come si chiamerà questa nuova nazione che tutti sperano possa finalmente vedere la luce?

Le ipotesi più gettonate sono quelle di Nuovo Sudan, Repubblica del Nilo o Sud Sudan. Quest’ultimo è quello più probabile, anche se quello di Nuovo Sudan era nei sogni del leader storico della ribellione sudista sudanese, John Garang.

© Riproduzione Riservata.