BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA STORIA/ Tzidkiahu, l’ex soldato che porta gli israeliani in gita in Palestina

Pubblicazione:martedì 18 gennaio 2011

Bambina palestinese nella Striscia di Gaza Bambina palestinese nella Striscia di Gaza

Sfortunatamente nessuna love-story ancora... è una situazione molto difficile da immaginare, ma certo sono nate alcune amicizie. Di solito, prima di metterci in viaggio facciamo un incontro, ci sediamo, beviamo un caffè e tutti parlano un po’ di sé. Se un palestinese è un musicista e lo è anche un israeliano vogliamo che loro due lo sappiano. Così durante il giorno possono discutere e parlarne. Sicuramente la passione comune dà un imput in piu’ per conoscersi. Anche se qualcuno lavora nel commercio o magari è un ingegnere, chiunque può trovare nell’altro alcuni punti in comune anche per lavorare insieme. Le persone stanno creando dei network sociali e alla fine di ogni viaggio le persone si scambiano gli indirizzi mail, i nomi su facebook, per continuare a sentirsi.

E i tuoi amici, invece, cosa pensano rispetto a quello che stai facendo?

Molti mi supportano, alcuni sono  indifferenti mentre altri si oppongono o credono semplicemente che sia una cosa sbagliata. Mi hanno riferito che altre persone, magari i familiari dei volontari che lavorano con noi, a casa hanno avuto reazioni molto dure, sono preoccupati. Hanno paura perché andiamo dall’altra parte del Muro. Ma noi non facciamo politica. Ne parliamo qualche volta, è naturale, ma puntiamo molto di più sul livello umano. E così vogliamo che rimanga.

Hai ricevuto qualche insulto?

Personalmente no, anzi, chi conosce questa attività solitamente mi supporta. Fino al punto che adesso vogliamo costruire una ONG, con due direttori: un israeliano e uno palestinese; e poi una struttura, con l’aiuto  dei nostri sostenitori. E’ ancora prematuro forse, ma ci stiamo muovendo.

Bisognerebbe capire prima cosa ne pensa Israele delle tue attività...


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >