BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TUNISIA/ Il nuovo presidente: “Il Paese sembrava gestito dalla moglie di Ben Ali”. 5 nuovi ministri verso le dimissioni

Mentre in Tunisia sta tornando la calma, il premier premier Mohammed Ghannouchi parla del suo predecessore alla radio francese.

Mohammed Ghannouchi Mohammed Ghannouchi

LA SITUAZIONE IN TUNISIA - Mentre in Tunisia sta tornando la calma, il premier Mohammed Ghannouchi parla del suo predecessore alla radio francese.

 

La situazione in Tunisia sta lentamente tornando alla normalità. Dopo la fuga del presidente Ben Alì, le redini del potere, a 6 mesi dalle elezioni anticipate, sono state date ad interim al premier Mohammed Ghannouchi. Il quale, parlando ai microfoni della radio francese Europe 1, ha dichiarato che la Tunisia «sembrava gestita dalla moglie di Ben Ali».

 

A proposito del rimpasto di governo, ha spiegato che i ministri confermati sono quelli che hanno «sempre agito per preservare l'interesse nazionale» e che «hanno le mani pulite». Tutti coloro che hanno avuto un ruolo nella repressione nel Paese, ha aggiunto, «ne risponderanno davanti alla giustizia».

 

E mentre nelle strade sta tornando la calma, si teme che la numerosa presenza nel governo di esponenti del vecchio regime possa provocare nuove proteste. Una, in particolare, è stata registrata ad Avenue Bourghiba, nel centro di Tunisi. I manifestanti chiedono le dimissioni di 5 ministri del vecchio governo. Intanto, l’esercito rimane schierato in tenuta antisommossa a presidiare i punti nevralgici di Tunisi.

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO