BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALBANIA/ Alta tensione a Tirana, Ue e Usa invitano alla calma

Pubblicazione:sabato 22 gennaio 2011

Il premier albanese Sali Berisha (Imagoeconomica) Il premier albanese Sali Berisha (Imagoeconomica)

Le televisioni internazionali hanno riferito di violenze della polizia contro i manifestanti, ma il premier Berisha ha negato che le tre vittime siano state uccise dalla polizia. Le tre persone sono state «uccise a bruciapelo con armi leggere, con pistole. E la polizia non possiede tali armamenti», ha garantito il primo ministro albanese, durante una conferenza stampa. «Ogni responsabilità per questi incidenti e per queste vittime va direttamente attribuita agli organizzatori di questa manifestazione».

 

Il leader dell'opposizione socialista, il sindaco di Tirana Edi Rama, ha accusato invece la polizia di aver sparato contro la folla provocando le vittime. Rama ha chiesto le dimissioni del governo e il ricorso alle elezioni anticipate.

 

Pur deprecando le violenze «di entrambe le parti», l'Alto rappresentate per la politica estera europea Catherine Ashton e il commissario incaricato dell'Allargamento, Stefan Fuele, hanno dichiarato che «manifestare è uno strumento della libertà di espressione e permette ai cittadini di raccogliersi pacificamente». Preoccupazione è stat espressa da più parti per questi scontri che paiono allontanare l'Albania dall'Europa.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.