BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OLANDA/ Video choc – Malato di mente tenuto al guinzaglio in clinica. Il Paese è turbato

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

 

IL RAGAZZO AL GUINZAGLIO - Il filmato mandato in onda dall’emittente Evangelische Omroep, giovedì scorso, durante il programma televisivo “Uitgesproken" (Parlar chiaro), ha scosso il Belgio.


Nel video di vede Brandon van Ingen,un diciottenne malato di mente, ospite della clinica Heeren Loo” di Ermelo, - comune di 26 mila abitanti – legato ad un guinzaglio elastico. Il ragazzo, secondo i dottori, sarebbe estremamente pericoloso, e la croda si renderebbe necessaria per non mettere a rischio l’incolumità degli infermieri o delle persone che entrano nella sua stanza. I principali partiti politici, all’indomani della messa in onda del filmato, hanno convocato una riunione per discutere del caso. Sono almeno 40 i casi simili nel paese, spiega Marlies Veldhuijzen Van Zanten-Hyllner, ministro della Salute. Il ragazzo, in particolare, sentirebbe delle voci che gli impongono di fare «cose cattive e pericolose».


Scrive il ministro della salute, rimasta profondamente turbata dal video, in una lettera al Parlamento: «La condizione di Brandon è così seria che egli deve essere privato della libertà per garantire l'incolumità sua e quella degli altri. Per questo Brandon fa regolarmente uso di una corda elastica che egli stesso fissa ogni qual volta è in presenza di un assistente o di qualche altro ospite. La corda è sciolta quando è solo e di notte».Mentre il ministro ha assicurato che si farà tutto il possibile per migliorare la situazione, il portavoce della clinica assicura che la situazione di Brandon «è davvero eccezionale e che la maggioranza dei pazienti ricoverati riceve delle cure completamente diverse».

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER IL VIDEO DEL RAGAZZO (IMMAGINI SCONSIGLIATE AD UN PUBBLICO IMPRESSIONABILE) 


  PAG. SUCC. >