BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ATTENTATO MOSCA/ Ecco perchè la caccia al colpevole può danneggiare la Russia

Pubblicazione:martedì 25 gennaio 2011

L'aeroporto di Domodedovo (Foto Ansa) L'aeroporto di Domodedovo (Foto Ansa)


A pochi chilometri dallo scalo internazionale, c’è quello "domestico". Colpire Domodedovo trasforma, quindi, la vicenda in una questione internazionale. Il che mette la Russia sotto pressione, spingendola a un eccesso di reazione. Che, in buona parte, è proprio quanto i terroristi auspicano.

 

Nel marzo 2010 due attentatrici suicide provenienti dal Daghestan avevano causato 40 morti e 130 feriti facendosi esplodere nella metropolitana. Ci sono analogie tra i due attentati?

 

Le strategie terroristiche mirano a colpire nel mucchio per lanciare un messaggio. Tuttavia individuare una firma comune è difficile, senza che prima si siano riscontrati elementi tecnici comuni. 

 

Putin sosteneva che la Cecenia, oggi, è molto più stabile, perché governata da un presidente filorusso. È così?

 

Che sia più stabile di prima è vero, nel senso che i russi possono attraversarla più agevolmente rispetto al passato; ma tale stabilità è ben lungi dal rappresentare una pacificazione.

 

Quali ricadute avrà l’attentato sulla politica interna?

 

Bisogna ricordare che Putin ha costruito il suo potere sulla repressione, specie degli oppositori interni. Dai famosi oligarchi alla libera stampa. Ciò che, adesso, possiamo aspettarci è un ulteriore giro di vite nei confronti di tutte quelle manifestazioni di dissenso palesi.

 

E sulla politica internazionale?

 

Al momento è molto presto per dirlo anche perché la situazione internazionale è incerta, complicata da quanto sta accadendo in Paesi come la Tunisia, l’Algeria, il Libano o l’Albania.

 

(Paolo Nessi) 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.