BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EGITTO/ L’esercito è in strada. La Clinton: “Il Paese ha diritto ad una democrazia”

Pubblicazione:venerdì 28 gennaio 2011

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

EGITTO: LA SITUAZIONE – L’esercito è in strada, mentre i manifestanti non hanno rispettato il coprifuoco e hanno sfidato i tank. La Clinton ha chiesto di non reprimere le proteste con la violenza.


L’Egitto è dominato dal caos. Il Paese è in fiamme. L’esercito è in strada, con mezzi armati e blindati e nelle strade continuano ad acuirsi gli scontri. Incerto il bilancio delle vittime. Sarebbero 4. Tra queste si conta anche un 14enne ucciso a Port Said. I feriti sono ormai 870 i feriti. Il coprifuoco è stato esteso, oltre che a Il Cairo ad Alessandria e Suez.

 

Tuttavia, i manifestanti lo hanno ignorato, sfidando la polizia e andando incontro a 10 tank che presidiavano la Capitale. E’ stata incendiata la sede del Partito Nazionale democratico di Hosni Mubarak, mentre la centralissima Piazza al-Tahrir sarebbe sotto il controllo, ormai dei manifestanti. La folla ha preso d’assalto anche la tv di Stato.

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 


  PAG. SUCC. >