BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EGITTO/ Cosa sta succedendo nelle località turistiche?

Pubblicazione:

Una spiaggia di Sharm El Sheik, foto Ansa  Una spiaggia di Sharm El Sheik, foto Ansa

Egitto, rivoluzione in atto. Mentre si succedono le notizie drammatiche ormai da quasi una settimana, di scontri, incidenti, morti a centinaia, devastazioni, in quelle che sono già passate alla storia come "le giornate della rabbia" del popolo egiziano nel tentativo di cacciare il presidente Mubarak, molti si dimenticano che l'Egitto è anche meta di vacanze.

Sono in particolar modo gli italiani ad amare le spiagge candide i i bellissimi fondali del Mar Rosso, nella meta turistica preferita di Sharm El Sheik, meta dove da decenni si recano in grande numero. Meta che purtroppo già in passato era stata devastata da attentati suicidi da parte di fondamentalisti islamici, e in modo bizzarro, quasi fosse stato un segno premonitore di quanto stava per accadere in Egitto, anche messa in allarme recentemente dalla presenza di alcuni squali assassini. Che succede allora a Sharm El Sheik? Come stanno i turisti che si sono trovati là proprio allo scoccare della rivoluzione? E che succederà adesso, vacanze proibite per sempre, o solo per poco tempo?

Il ministro degli esteri Frattini e il nostro ambasciatore Claudio Pacifico rassicurano. Addirittura l'ambasciatore ha detto che i carri armati che in queste ultime ore sono entrati a Sharm devono essere "ben accolti perché possono garantire un minimo di sicurezza".


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
01/02/2011 - Commento sull'articolo (Annalisa Lanza)

Vi prego evitiamo articoli di questo genere che fanno solo scalpore e terrorismo. Il mio caso amico George è il responsabile delle guide Egiziane, abita al Cairo e ci sentiamo regolarmente. Non è successo nulla al Museo Egizio e non sono stati fatti danni di nessun tipo ne li ne in altre località turistiche, infatti le crocere sul nilo sono ancora in corso, il problema è solo il Cairo e Alessandria. Quando date notizie attenzione!!