BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IRAQ/ Leader islamici esprimono solidarietà ai cristiani iracheni

Pubblicazione:martedì 4 gennaio 2011

cristianiperseguitati_R400.jpg (Foto)

IRAQ CRISTIANI PERSEGUITATI - Una delegazione di leader tribali si è recata presso l'arciodiocesi di Kirkuk in Iraq per esprimere solidarietà ai "fratelli cristiani" dopo le recenti strage effettuate nei loro confronti nello stesso Iraq e in Egitto.

Si tratta di una ventina di sceicchi di tribù residenti a Nassiriyia, Kerbala, Diwaniyia, Imara e Basra. Si sono recati a presentare gli auguri di anno nuovo all'arcivescovo caldeo di Kirkuk. e per esprimere solidarietà e sconcerto per l'emigrazione di massa a cui sono sottoposti i cristiani dopo l'attacco alla cattedrale di Baghdad dello scorso 31 ottobre e alla chiesa coopta di Alessandria d'Egitto del 31 dicembre. "L'Iraq senza i cristiani non sarebbe l'Iraq" hanno detto.

Un altro sceicco ha raccontato come la sua tribù, prima dell'arrivo dell'Islam nel Settimo secolo, fosse una tribù di cristiani: "Non possiamo dimenticare le nostre radici". Altri hanno dichiarato che essendo tutti figli di Adamo e Abramo, le radici comuni vanno strette in modo sicuro. Gli sceicchi hanno regalato al vescovo una spada come segno di protezione per i cristiani, ma lil vescovo ha declinato dicendo che "la spada dei cristiani è l'amore".


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE DEI CRISTIANI PERSEGUITATI IN IRAQ


  PAG. SUCC. >