BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FACEBOOK/ Donna annuncia il suicidio, gli amici la deridono mentre muore

Pubblicazione:sabato 8 gennaio 2011

facebook-r400(1).jpg (Foto)

 

 

MACABRO GOSSIP - Lo stesso amico più tardi, nel corso della stessa notte, ha respinto per una seconda volta il suo grido d’aiuto aggiungendo: «Non è più una bambina». Mentre un secondo utente ha commentato: «Ha fatto una scelta e prendere delle pillole perché una relazione è terminata non è una ragione sufficiente». In tutto ben 148 messaggi sono stati scambiati dagli utenti di Facebook, discutendo la presunta rottura del fidanzamento che avrebbe riguardato Simone Back. Gli amici della donna che vivono più lontani da lei hanno risposto arrabbiati ai commenti di questo tono. Uno di loro ha esclamato: «Avete afferrato il fatto che Simone ha ingerito delle pillole? E che ha scritto “addio a tutti”? Qualcuno è andato personalmente a trovare Simone, per controllare come sta, o chiamato il pronto soccorso? Che cosa avete tutti quanti? E’ davvero più importante il gossip della sua vita?».
 

MESSAGGI INDIGNATI - E un altro ha aggiunto, indignato: «Se vi considerate davvero suoi amici uno di voi dovrebbe chiamarla e sentire se sta bene». Tuttavia, nessuno degli amici di Simone Back ha alzato la cornetta del telefono. Infine la madre Jennifer ha chiamato il numero d’emergenza, dopo che qualcuno le aveva scritto un sms avvertendola del messaggio suicida della figlia. Tutto questo è avvenuto ben 17 ore dopo che l’addio della donna era stato pubblicato online. La polizia è stata chiamata nel suo appartamento in Montague Street a Brighton alle 16 del 26 dicembre. Gli agenti hanno trovato il corpo della donna, che un’ora dopo è stata dichiarata morta. Non si sa ancora con esattezza a che ora Simone Back si sia spenta e se abbia fatto in tempo a leggere i cinici commenti dei suoi presunti «amici». La signora Langridge più tardi ha scritto sulla bacheca di Facebook della figlia: «Simone è morta oggi, adesso per piacere lasciatela in pace».
 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
11/01/2011 - non ci sono parole (lavinia snappy)

non ci sono parole! io ho subito il suicidio del mio compagno e queste persone che al posto di aiutarla l'hanno presa in giro sarebbero da considerare assassini! non so se in Inghilterra esista una legge sul mancato soccorso ma spero che tutti quelli che hanno commentato con quelle frasi che di sicuro hanno fatto ancora di più disperare quella povera donna e la sua famiglia vengano incriminati!