BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EGITTO/ Giustiziato El-Kamony: uccise sei cristiani copti nel 2009

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

All'alba di stamane le autorità egiziane hanno giustiziato Hamam El-Kamony. L'uomo due anni fa aveva attaccato una chiesa cristiana, quella di San Giovanni, a Nah Hamadi, uccidendo sette persone. Sei di esse erano cristiani copti. L'attacco, eseguito in un gruppo di tre assalitori, era stato eseguito la sera del 7 gennaio, giorno in cui i cristiani copti celebrano il Natale. La sentenza capitale era stata emessa da un tribunale speciale. Il gruppo aveva messo in atto l'attacco omicida come risposta a quello che essi ritenevano un caso di stupro di una ragazza musulmana a opera di un cristiano, episodio che a sua volta era accaduto nel novembre 2008. L'esecuzione dell'islamico, all'indomani dei violenti scontri avvenuti al Cairo tra cristiano, musulmani ed esercito e in cui hanno perso la vita 36 copti e oltre trecento sono rimasti feriti, assume un significato speciale. Forse un gesto, comunque sentenziato molto tempo prima, nel gennaio 2011, per cercare di placare gli animi dei cristiani egiziani furiosi dopo il massacro perpetrato ieri e di cui ancora non si conoscono le dinamiche precise. La manifestazione di ieri aveva preso le mossa come protesta per la distruzione di una chiesa  nella provincia di Aswan. La manifestazione è degenerata in scontri violenti sembra provocati ad arte, in cui l'esercito ha poi aperto il fuoco sulla folla provocando una autentica strage. Rimane tesa la situazione in Egitto. Il primo ministro egiziano ha convocato una riunione d'urgenza del governo. Nelle sue parole, pronunciate in televisione, l'Egitto è in serio pericolo e le discordie tra cristiani e islamici rappresentano  la più grave minaccia all'unità del Paese. E' intervenuto a proposito degli scontri di eri anche il nostro ministro degli esteri Frattini che ha parlato di un esodo dei cristiani eigiziani che si sentono minacciati. Sarebbero 100mila quelli che hanno già lasciato l'Egitto, anche se ha ammesso di non sapere se la cifra sia realistica. "Spero - ha detto - che vi sarà la condanna di tutto il Consiglio dei ministri Ue per le gravissime violenze contro i copti cristiani dell’Egitto".



© Riproduzione Riservata.