BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARI/ Waters: un poeta filosofo nuovo re di Irlanda

Il nuovo presidente irlandese Michael D Higgins (Foto Ansa) Il nuovo presidente irlandese Michael D Higgins (Foto Ansa)

Non credo si possa continuare a esprimere queste esigenze con termini del 1983: un “progressismo” consapevolmente di sinistra, “liberal”e laicista. Penso che ci sia bisogno di un nuovo linguaggio per descrivere i mali della nostra società e un radicalismo che non ne sia capace non è degno di definirsi tale.
La maggiore preoccupazione è che il nostro nono presidente rimanga prigioniero delle sclerotiche forze del “progressismo” irlandese, cui è debitore per la sua elezione, che si sono appropriate ideologicamente del linguaggio del progresso, dell’illuminismo e della evoluzione sociale e che considerano controrivoluzionario e proditorio ogni richiamo al vero significato di parole come “giustizia” ed “eguaglianza”.

Ho paura che se Michael D cercherà di ridefinire nella nostra società le parole giustizia o verità, si troverà accusato dai suoi ex compagni di sinistra di essere passato su posizioni “reazionarie”. E temo che venga abortito il suo indubbio potenziale per dar voce a una vera trasformazione.

© Riproduzione Riservata.