BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LIBIA/ Almeno 24 i manifestanti uccisi. Disordini in Yemen e Bahrein

Continuano i disordini e le manifestazioni e si aggrava il bilancio delle vittime in Nordafrica e Medioriente.

Foto Ansa Foto Ansa

Continuano i disordini e le manifestazioni e si aggrava il bilancio delle vittime in Nordafrica e Medioriente.


Continuano i disordini e le manifestazioni in Nord Africa a in Medioriente. Sono salite a 24, intanto, le vittime degli scontri, in Libia, tra i manifestanti e le forze dell’ordine. I comitati rivoluzionari libici, la base del potere di Muammar Gheddafi, hanno fatto sapere che nei confronti di chi protesta contro il regime, definiti «avventurieri» sarà attuata una risposta «violenta e fulminante». Inoltre, qualunque tentativo di «superare i limiti» sarà un «suicidio». La situazione è stata denunciata dall'organizzazione Human Rights Watch,


E mentre in Egitto un milione di persone scenderà in strada per la "Marcia della vittoria", nello Yemen sarebbero tre i manifestanti uccisi dalle forze di sicurezza, 19 i feriti, due dei quali versano in gravi condizioni e sono stati sottoposti ad intervento chirurgico. Ad Aden, nello Yemen meridionale, nel quartiere di al-Mansoura la polizia ha aperto il fuoco contro i manifestanti che chiedono la cacciata di Ali Abdullah Saleh, alla guida del Paese da 32 anni.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO