BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LIBIA/ Sull'orlo della guerra civile, Gheddafi forse fuggito in Venezuela

Pubblicazione:

Gheddafi in un incontro con Silvio Berlusconi, foto Ansa  Gheddafi in un incontro con Silvio Berlusconi, foto Ansa

LIBIA GUERRA CIVILE GHEDDAFI - Centinaia di morti, città in mano ai rivoltosi, voci che dicono che Gheddafi abbia abbandonato il paese. E' caos Libia, l'ultimo dei paesi arabi a cadere in preda alla rivolta, dopo Tunisia, Egitto - dove i leader sono stati cacciati - e altri come Yemen e Barhain dove la popolazione è scesa in piazza.

L'onda verde che sta mettendo in crisi dittature durate decenni, è arrivata in Libia. dove la repressione voluta da Gheddafi è stata violenta, Ma alcuni esponenti del governo così come parte dell'esercito sembrano solidarizzare con i rivoltosi. Intanto le città Bengasi e El Beida sono cadute in mano ai manifestanti mentre gli incidenti sono cominciati anche nella capitale Tripoli. Ieri sera il figlio di Gheddafi ha pronunciato un duro discorso televisivo, sottolineando come «la Libia non è l'Egitto né la Tunisia» e che «Muammar Gheddafi non è né Zine El Abidine Ben Ali né Mubarak». «Noi non cederemo un pollice della Libia - ha aggiunto - vivremo in Libia, moriremo in Libia».

E ancora: «Il popolo deve scegliere tra costruire una nuova Libia e sprofondare nella guerra civile». Ieri sera si sono diffuse voci che dicevano che Gheddafi avesse abbandonato il paese, e si fosse rifugiato in Venezuela.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE DELLA RIVOLTA IN LIBIA



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
21/02/2011 - Disfacimento di un regime (celestino ferraro)

Non possiamo che compiacerci dell'evoluzione democratica che assume la rivolta popolare in Libia (Egitto, Tunisia, Algeria, Jemen, Iran ...). Scorre il sangue, ma senza sangue la LIBERTA' è anemica, anossica, destinata a una grama esistenza. C'è soltanto da rimproverarci, come cittadini democratici, d'aver atteso oltre 40 anni per consentire alla democrazia il trionfo che le compete. Questo è quanto possiamo esprimere noi cittadini la cui democrazia è saldamente nelle coscenze di ciascuno. Ma per la nostra dipendenza energetica (gas, petrolio e minerali vari), e per il libero mercato costretto a ristagnare per l'impossibilità di mercatare, quali sono le conseguenze sulla nostra sgangherata economia? ... Che Dio ce la mandi buona! CF