BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIAGGI/ Criocongelarsi in Australia, bagni d'inverno in Russia, docce scozzesi in Italia

Pubblicazione:lunedì 21 febbraio 2011

Vacanze degne di una foca Vacanze degne di una foca

ESPERIENZA ESTREMA - Nessun pericolo per la salute, sostiene Benn, nessun rischio: «È sufficiente indossare calze e biancheria intima quando si entra nell’impianto», ha spiegato al sito News.com. L’esperienza, che complessivamente non dura più di qualche minuto, è generalmente piacevole: «Solo negli ultimi trenta secondi si può avvertire un po’ di disagio - ammette Benn - Ma per i clienti che preferiscono immergersi gradualmente nell’apparecchio abbiamo previsto abbassamenti di temperatura graduali ogni venti secondi, in modo che non sia uno shock per l’organismo, non sia come saltare nudi nella neve». Il rilascio di adrenalina e endorfine nell’organismo, e in conseguente senso di benessere, sono i principali benefici di un’esperienza così singolare.


SICUREZZA E TRANQUILLITA’ - Nulla di pericoloso dunque. Solamente sensazioni vicine al limite. Precisazioni doverose, anche considerato il campione di sauna russo deceduto l’estate scorsa proprio mentre stava disputando il campionato mondiale di categoria. Lì si trattava di caldo estremo, qui di freddo ai limiti del tollerabile. Ma nel nostro caso le attrezzature sono medicalmente sicure, al contrario della situazione amatoriale in cui si svolgevano le competizioni di sauna. «Tanto che praticamente qualunque persona può provare un giretto nella camera», rassicura Benn.


DOCCE SCOZZESI
- Nulla del genere è ancora presente in Italia. Ma gli amanti nostrani del turismo per la cura del proprio corpo possono provare sulla propria pelle una pratica fino a qualche anno fa totalmente sconosciuta, ma oggi praticata da una grandissima quantita di beauty center del nostro Paese: la doccia scozzese. Di cosa si tratta? È un trattamento idroterapico che consiste nell’alternarsi di getti d’acqua caldi e freddi. Nessuna “doccia”, tecnicamente parlando, ma schizzi ad alta pressione che attraverso la pressione e lo sbalzo di temperatura stimolano efficacemente l’apparato circolatorio.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLE VACANZE ESTREME



 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >