BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FIGLI SU RICHIESTA/ Baby 101, dalla Thailandia uteri in affitto via eMail. La polizia: "illegale e inumano

Sgominata in Thailandia agenzia di uteri in affitto

Foto d'archivio Foto d'archivio

FIGLI SU RICHIESTA CASO BABY 101 - Thailandia, sospesa l'attività dell'agenzia Baby 101, specializzata in "produzione" di figli per conto terzi. L'agenzia, con sede legale a Taiwan, forniva in pratica "uteri in affitto", facendo partorire donne i cui figli venivano poi rivenduti a coppie che non possono o non vogliono farli nascere direttamente.

Secondo la polizia thailandese, alcune delle donne che lavoravano per la Baby 101 erano obbligate con la forza a far ciò, si sta indagando per scoprire se fossero state rapite allo scopo. "Illegale e inumano" è stato definito dalle autorità tutto il business. La società riceveva ordinazioni via e-mail, sul sito apparivano foto dei donatori maschili e femminili in modo da mostrare lo stato di ottima salute degli stessi. La polizia ha trovato 13 donne che lavoravano alla "produzione" dei bambini dietro pagamento di circa 3mila dollari a gravidanza conclusa. In Thailandia la pratica dell'utero in affitto è proibita per legge, ammessa solo in casi rarissimi e sempre se non è prevista alcuna forma di pagamento.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE DEL CASO UTERI IN AFFITTO