BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISTIANI PERSEGUITATI/ India, i cristiani in piazza per chiedere il ritiro del rapporto di Karnataka

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa


I CRISTIANI CONTESTANO IL RAPPORTO DI KARNATAKA
- I cristiani di Karnataka (Indi) scenderanno in piazza per chiedere il ritiro del “rapporto sulle violenze anticristiane”, ritenuto «falso e ingiusto».

 

Il “rapporto sulle violenze anticristiane” che si sono registrate in Karnataka, nell’India sud-occidentale, nel 2008 non convince i soggetti chiamati in causa nel documento. Che, anzi – riferisce l’agenzia di stampa Fides -, lo rigettano completamente. Il Rapporto redatto e pubblicato nei giorni scorsi dalla Commissione di inchiesta guidata dal giudice in pensione B. K. Somashekara, è stata definita dai diretti interessati «falso e ingiusto»; negherebbe, infatti, ogni implicazione degli estremisti indù e le responsabilità del governo del Karnataka, guidato dal Baratiya Janata Party (BJP), un partito nazionalista indù.

 

Per questo migliaia di cristiani di tutte le confessioni hanno deciso di scendere in piazza il 5 febbraio a Bangalore, per protestare pacificamente e chiedere che i propri diritti vengano rispettati. La manifestazione si snoderà per le vide della città a raccoglierà, oltre che cristiani, musulmani e indù moderati. «Si tratta di una fondamentale difesa della giustizia e dei diritti dei cristiani. Dobbiamo far sentire la voce del dissenso che sale dalla società civile. Chiediamo che il Rapporto venga ritirato e sostituito con una nuova indagine imparziale», ha dichiarato a Fides Joseph Dias, attivista cattolico del “Christian Secular Forum”, e fra coloro che sanno messo in piedi l’iniziativa.


CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE  L'ARTICOLO 

 

 


  PAG. SUCC. >