BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CRISTIANI PERSEGUITATI/ India, i cristiani in piazza per chiedere il ritiro del rapporto di Karnataka

Foto Ansa Foto Ansa

«Altrimenti – ha aggiunto - si rischia che i movimenti estremisti indù, che vogliono eliminare la presenza cristiana dalla società indiana, finiscano per avere la meglio, con l’appoggio delle istituzioni». I cristiani, nel Paese, non solo subiscono vessazioni di ogni genere, ma vengono accusati ingiustamente di farle subire ad altri: «da un lato hanno subito, e continuano tutt’oggi a subire, attacchi e aggressioni, nell’indifferenza generale; dall’altro vi sono oltre 300 casi di denunce contro i cristiani, registrate presso i tribunali del Karnataka, che li accusano di conversioni fraudolente e di violenze. Chiediamo che questi procedimenti, basati su accuse totalmente false, vengano immediatamente cancellati», spiega Dias.

 

«In Karnataka e negli altri stati indiani dove il partito è al potere, le violenze anticristiane sono nettamente aumentate», conclude. E, in effetti, ricorda l’agenzia di stampa religiosa, «Nel 2008, durante una ondata di violenze, si contarono in Karnataka oltre 113 attacchi anticristiani in 29 distretti. Negli ultimi due anni si sono registrati nello stato altri 138 episodi di violenza contro persone, luoghi o istituzioni cristiane».

CLICCA QUI PER L’ARTICOLO DI FIDES

© Riproduzione Riservata.