BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LIBIA/ Jean: così Gheddafi approfitta degli errori della Nato

Che cosa si nasconde dietro a questa intensa attività diplomatica internazionale che Muhammar Gheddafi sta cercando di mettere in atto? CARLO JEAN ne parla a IlSussidiario.net

Muhammar Gheddafi (Ansa) Muhammar Gheddafi (Ansa)

Tre jet decollati dalla Libia in mattinata avevano fatto pensare ad una fuga di Gheddafi, ipotesi avallata anche da Al-Jazeera. Si è poi saputo che si trattava di missioni diplomatiche, dirette a Bruxelles e in Portogallo. Ieri era sembrato che gli aerei libici avessero fatto scalo in Italia, ma la Farnesina ha smentito. Nel frattempo la Nato, col supporto degli Usa, cerca una soluzione, che per ora contempla una no-flight zone da far rispettare con il coinvolgimento della Lega araba. Nella giornata di ieri si è riunito il nostro Consiglio supremo di difesa, presieduto dal Capo dello Stato, al termine del quale l'Italia ha riconfermato la volontà di intraprendere quanto verrà deciso in sede europea e di Alleanza atlantica. Nel frattempo - dice a ilsussidiario.net Carlo Jean, esperto di strategia militare - Gheddafi si mostra in grado di contrastare gli insorti.

 

Nella giornata di ieri aerei libici del colonnello Gheddafi hanno trasportato uomini importanti del regime al Cairo e in Europa. Qual è la sua valutazione di quanto sta accadendo nelle ultime ore?

 

Non possiamo sapere con certezza il contenuto di quelle missioni, anche se è facile immaginarlo. Il raìs tiene in piedi i suoi contatti. Fa politica, cerca di creare spazi di manovra. La cosa importante da rilevare è che i fatti smentiscono una fuga di Gheddafi, com’era sembrato in un primo tempo. Niente di tutto questo. Molto verosimilmente la missione ha fatto il giro del Mediterraneo per non rischiare intercettazioni o incidenti.

 

L’altro ieri l’ex ministro della Giustizia Mustafa Abdel Jalil ha dato a Gheddafi un ultimatum di 72 ore per lasciare la Libia senza ritorsioni. Un passo falso che ha costretto gli insorti a smentire tutto. Cosa sta succedendo nel fronte dell’opposizione al regime?