BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TERREMOTO GIAPPONE/ L’esperto: Centrali nucleari, da escludere il rischio di una nuova Chernobyl

Il fumo che esce dalla centrale di Fukushima Il fumo che esce dalla centrale di Fukushima

ASSE TERRESTRE - Il sisma inoltre potrebbe avere spostato di dieci centimetri l’asse terrestre. Anche se, come spiega a Tgcom il dottor Giuseppe Bianco, del Centro di Geodesia di Matera dell’Agenzia Spaziale Italiana, «è una stima teorica. Ciò non significa che non sia possibile, ma attualmente l’Agenzia è al lavoro per calcolare con precisione se e di quanto possa essere avvenuto questo spostamento dell’asse terrestre». Per Bianco infatti «bisogna innanzitutto capire che i poli già si muovono per conto loro per azione dell’atmosfera, delle correnti oceaniche e per altri fenomeni. Nel caso di eventi come quelli sismici si caratterizza uno spostamento immediato in lassi temporali molto brevi. Adesso non sappiamo ancora se questo possa essere successo ma nel 2004 quando effettuammo le misurazioni dopo il terremoto di Sumatra, scoprimmo una variazione dell’asse prossima ai 6 cm». Per il ricercatore del Centro di Geodesia, «sull’effetto globale, ovvero sulla quotidianità di tutti noi possiamo stare tranquilli che non cambierà praticamente nulla. Il valore di una rilevazione come quella dello spostamento degli assi è assolutamente di carattere scientifico. Lo si può leggere come un indice della violenza che un fenomeno esercita sulla Terra e, in questo caso, del sisma giapponese. E’ importante scoprire come la Terra reagisce».

 

NESSUN ITALIANO TRA LE VITTIME – Le autorità giapponesi hanno reso noto all'ambasciata italiana a Tokyo che non ci sarebbero, almeno per ora, morti tra gli italiani presenti nel Paese. E’ quanto afferma una nota del ministro degli Esteri, Franco Frattini, secondo cui l'ambasciata, in costante collaborazione con l'Unità di crisi della Farnesina «continua senza sosta l'attività di ricerca dei connazionali italiani che si trovavano nell'area maggiormente colpita dal sisma e dallo tsunami. Circa la metà dei connazionali, che all'ambasciata italiana a Tokyo risultano essere residenti nelle zone di Sendai e nelle zone limitrofe, è stata già contattata e si stanno anche facendo ricerche su eventuali turisti presenti nell'area». Nel frattempo stanno arrivando offerte di aiuto da parte di tutto il mondo: la Cina ha riferito che i suoi soccorritori sono pronti a partire per le zone calamitate, mentre il presidente degli Stati Uniti, Obama, ha fatto sapere al primo ministro giapponese Naoto Kan che Washington è pronto a fornire qualsiasi tipo di supporto sarà richiesto da Tokyo.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
14/03/2011 - I poli magnetici si stanno spostando (BUONOGOOD BUENO)

Il nostro pianeta sta attraversando un’Era storica molto importante. E noi la stiamo vivendo in prima persona. Lo spostamento dei poli magnetici della Terra è rimasto un argomento taciuto all’opinione pubblica, un tema additato più come fantascientifico che come reale, una notizia su cui non attirare troppo l’attenzione, che non meritava troppo interesse se non da parte di scienziati ed amatori della materia geografica ed astronomica. E noi, plebe televisiva e compra-giornali, pur avendo sentito parlare od aver letto da qualche parte dei poli magnetici, abbiamo voltato pagina con un mah, sicuro ci avviserebbero, se fosse pericoloso, sentendoci più protetti dal progresso tecnologico che impauriti dalle profezie dei Maya, pensando che l’influenza astronomica sul magnetismo terrestre, lo spostamento dei poli, il cambio climatico, i grossi movimenti tettonici della Terra e le conseguenti catastrofi avvengano solo in film come 2012. E purtroppo è stato un errore. Continua la lettura qua: http://wp.me/p19KhY-hc

 
13/03/2011 - ideologie (angelo canavese)

Articolo abbastanza equilibrato. Il problema nato nelle centrali non mi sembra ancora concluso, mentre sembrerebbero in una fase piu' stabile e di conta dei danni gli altri effetti. Per adesso osserverei cosa succede, e non parlerei di ideologie, come fa un commentatore, correndo il rischio di cadere a sua volta in una ideologia.

 
12/03/2011 - spin mediatici (Antonio Servadio)

Encomiabile articolo. Purtroppo in altri siti leggiamo notizie opportunamente drogate, con titoli del tipo "Contaminazione Nucleare" in testa ad articoli dai quali non si evince alcun tipo di prova di contaminazione nucleare. Importante ricordare, come avete fatto voi, la diga infranta con conseguente devastazione di interi paesi e città, il fiume sondato che ha livellato ogni cosa al suo passaggio, edifici inclusi. Purtroppo l'ideologia è in agguato per snaturare le notizie offrendoci proiezioni di realtà adulterate.