BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NATASCHA KAMPUSCH/ La ragazza austriaca chiede allo Stato un milione di risarcimento

La sua terribile storia fece il giro del mondo: Natascha Kampusch, rapita a 10 anni di età, fu segregata da un maniaco che la tenne reclusa per otto anni

Natascha Kampusch, foto Ansa Natascha Kampusch, foto Ansa

La sua terribile storia fece il giro del mondo: Natascha Kampusch, rapita a 10 anni di età, fu segregata da un maniaco che la tenne reclusa per otto anni, fino a quando riuscì a fuggire. Adesso la ragazza chiede al suo Paese un risarcimento miliardario.

IL RISARCIMENTO - Vuole 323 euro per ogni giorno passato nella prigionia del sotterraneo del maniaco che la rapì. Natascha Kampusch cinque anni dopo la sua liberazione accusa lo Stato austriaco di non aver fatto abbastanza bene il suo lavoro, di non essere cioè stato in grado di liberarla prima, invece di passare otto anni di inferno. Il suo avvocato, Gerlad Ganzger, ha depositato la richiesta di risarcimento alla procura finanziaria austriaca nei giorni scorsi. La motivazione della richiesta è: un milione di euro di risarcimento per non essere stata liberata a causa di errori nelle indagini.

Nella richiesta infatti si cita il fatto che le autorità fermarono effettivamente l'uomo autore del rapimento, Wolfgang Priklopil, addirittura esaminando il furgone con cui aveva rapito Natascha, ma lo lasciarono andare. L'uomo era stato anche segnalato più volte in precedenza per i suoi rapporti con la comunità sadomaso viennese e anche da una vicina di casa per contini schiamazzi notturni. Le autorità avevano sempre lasciato perdere le segnalazioni. "Non è un segreto. La commissione di valutazione lo ha messo nero su bianco" ha dichiarato l'avvocato di Natascha, intendendo che la commissione di inchiesta sul rapimento ha riconosciuto le colpe degli investigatori. Il governo austriaco ha tre mesi di tempo per reagire all'offerta di conciliazione, prima che la richiesta prosegua sul terreno giudiziario: "Speriamo che sia possibile trovare un accordo amichevole", ha detto Ganzger.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE DEL CASO DI NATASCHA KAMPUSCH