BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Scola: così Libia e Nord Africa possono "rifare" l'Europa

Il card. Angelo Scola (Imagoeconomica) Il card. Angelo Scola (Imagoeconomica)

La situazione dei nostri fratelli cristiani in Medio ed Estremo Oriente è assai dolorosa. Non possiamo permetterci di restare passivi, di non ascoltare la loro voce e il loro grido di aiuto. La Chiesa veneziana, nel percorso della Visita pastorale che ha investito tutta la diocesi, ha potuto collaborare con due persone straordinarie come il vescovo Luigi Padovese, assassinato in Turchia, e Shahbaz Bhatti, il ministro cristiano vittima di un recente attentato in Pakistan. La loro testimonianza ci costringe ad agire per la libertà minacciata della Chiesa in certi paesi a maggioranza musulmana. Il loro martirio ci documenta cosa significa vivere autenticamente da cristiani, cioè vivere del desiderio di seguire Gesù, di trovare un posto - come scrisse Bhatti nel suo testamento spirituale - ai piedi della sua croce per partecipare della sua risurrezione.

Tutti o quasi sono d’accordo nel riconoscere che una grande emergenza umanitaria è alle porte. Che cosa devono fare la politica e la società per essere all’altezza del compito?


L’intervista continua su angeloscola.it

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
28/03/2011 - Governare gli eventi (Mariano Belli)

Io quello che proprio non capisco è questo : perchè dobbiamo sempre avere la presunzione di governare gli eventi in casa d'altri, quando non siamo nemmeno capaci di governare quelli di casa nostra? Poi vorrei anche capire sulla base di quali principi la chiesa si è dichiarata interventista...